AFFIDAMENTO: mancata revoca all’impresa attinta da informativa antimafia

AFFIDAMENTO: mancata revoca all’impresa attinta da informativa antimafia

T.A.R. Campania, Napoli, Sez. I, Pres. Mastrocola Est. Andolfi, 5 novembre 2014, n. 5692

Lart. 140 del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 – Codice dei contratti(che conferisce alle amministrazioni aggiudicatici la facoltà di aggiudicare la gara allimpresa seconda in graduatoria laddove venga esercitato il recesso dal contratto a seguito dellaccertamento di tentativi di infiltrazione mafiosa nei confronti delloriginario aggiudicatario) è disposizione di carattere eccezionale, insuscettibile di applicazione estensiva e non si applica alla materia delle concessioni di servizi (atteso che lart. 140, cit. è incluso nellambito della Parte seconda – Titolo terzo del Codice, riferita ai soli appalti di lavori).

Ai sensi del comma 3 dellart. 94 del D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 – Codice delle leggi antimafia, non risulta viziata per profili di eccesso di potere o irragionevolezza la determinazione dellamministrazione aggiudicatrice la quale decida di non procedere al recesso dal contratto per lespletamento di un servizio nei confronti dellimpresa attinta da uninformativa sfavorevole per tentativi di infiltrazione mafiosa, laddove: i) lattuale gestore non sia sostituibile in tempi rapidi; ii) lerogazione di tale servizio risulti essenziale per il perseguimento di un interesse pubblico; iii) sia in corso la nuova gara per laffidamento del servizio.

Il fatto

La controversia all’origine dei fatti di causa prende le mosse dalla procedura ristretta indetta dalla Regione Campania al fine di aggiudicare un servizio di trasporto pubblico locale in ambito subregionale.

La procedura in questione era stata indetta nelle more dell’espletamento di una pubblica gara avente ad oggetto l’espletamento pluriennale del medesimo servizio.

All’esito della procedura ristretta la gara era stata aggiudicata alla società ‘Alfa’, mentre secondo classificato era il consorzio ‘Beta’. Nelle more dell’espletamento del servizio, tuttavia, la società affidataria era risultata attinta da un’informativa antimafia per tentativi di infiltrazioni mafiose (art. 84, comma 4, D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 – Codice delle leggi antimafia).

Giunto a conoscenza di tale circostanza, il consorzio secondo classificato aveva chiesto alla Regione Campania di recedere dal contratto medio tempore stipulato con la società ‘Alfa’ (tanto, ai sensi del comma 2 dell’articolo 94 del medesimo Codice) e di disporre il proprio subentro nel contratto ai sensi dell’art. 140 del Codice dei contratti.

La Regione Campania aveva, tuttavia, respinto la richiesta di recesso e di conseguente subentro nel contratto, disponendo – piuttosto – la prosecuzione dell’affidamento in essere in favore del gestore (pur se colpito dall’informativa interdittiva). Tanto, in applicazione del comma 3 dell’art. 94 del Codice delle leggi antimafia secondo cui “[le amministrazioni aggiudicatrici] non procedono alle revoche o ai recessi di cui al comma precedente [si tratta dei recessi pubblicistici conseguenti allapplicazione di misure interdittive antimafia] nel caso in cui lopera sia in corso di ultimazione ovvero, in caso di fornitura di beni e servizi ritenuta essenziale per il perseguimento dellinteresse pubblico, qualora il soggetto che la fornisce non sia sostituibile in tempi rapidi”.

Il provvedimento di diniego veniva, quindi, impugnato dinanzi al T.A.R. della Campania dal consorzio secondo classificato il quale ne chiedeva la riforma lamentando la contestuale violazione dell’art. 94 del Codice delle leggi antimafia e dell’art. 140 del Codice dei contratti.

La decisione

I Giudici hanno ritenuto che l’ art. 140 del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, con una disposizione avente natura eccezionale, individua un’ipotesi nella quale i contratti dell’Amministrazione pubblica possono essere affidati senza l’ulteriore svolgimento di una gara ad evidenza pubblica ed è quindi suscettibile esclusivamente di stretta interpretazione (cfr. Consiglio di Stato, sez. VI, 12 aprile 2011 n. 2260). Infatti, l’ articolo 140 del D.Lgs. n. 163 del 2006 è collocato dal codice dei contratti pubblici nel titolo 3º della parte 2ª, titolo contenente disposizioni per i soli contratti relativi ai lavori pubblici.

Proprio perché riferita esclusivamente ai contratti relativi ai lavori pubblici e in quanto norma di stretta interpretazione il T.A.R. campano ha ritenuto la norma non applicabile ai contratti aventi ad oggetto prestazioni diverse dalla esecuzione di lavori pubblici, con particolare riferimento ai contratti per forniture o per prestazione di servizi.

Quanto, poi, alla doglianza relativa alla violazione dell’art. 94 del Codice delle leggi antimafia, i Giudici hanno ritenuto che nella fattispecie l’amministrazione resistente avesse legittimamente applicato il comma 3º dell’ articolo 94 del D.Lgs. n. 159 nel 2011 che consente di non procedere alla revoca delle concessioni o al recesso dai contratti per forniture di beni e servizi con soggetti colpiti da interdittiva antimafia, qualora tali soggetti non siano sostituibili in tempi rapidi e la fornitura o il servizio siano essenziali per il perseguimento dell’interesse pubblico.

Nel caso di specie, infatti, l’interruzione del servizio di trasporto pubblico locale svolto dall’impresa controinteressata avrebbe determinato un sicuro pregiudizio per l’interesse pubblico, nelle more dell’espletamento della procedura di gara per l’affidamento definitivo del servizio, gestito dalla controinteressata a titolo provvisorio e in regime di proroga, non essendo possibile sostituire immediatamente la concessionaria del servizio pubblico neanche per il tempo strettamente necessario all’espletamento della gara definitiva.

CONFORMI: Cons. Stato, Sez. III, 5 ottobre 2011, n. 5478; Id., Sez. III, 19 settembre 2011, n. 5262; in ordine all’applicabilità dell’art. 140 del Codice dei contratti: Cons. Stato, Sez. VI, 12 aprile 2011, n. 2260.


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.

Avv. Giacomo Romano

Ideatore e Coordinatore at Salvis Juribus
Nato a Napoli nel 1989, ha conseguito la laurea in giurisprudenza nell’ottobre 2012 con pieni voti e lode, presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, discutendo una tesi in diritto amministrativo dal titolo "Le c.d. clausole esorbitanti nell’esecuzione dell’appalto di opere pubbliche", relatore Prof. Fiorenzo Liguori. Nel luglio 2014 ha conseguito il diploma presso la Scuola di specializzazione per le professioni legali dell'Università degli Studi di Napoli Federico II. Subito dopo, ha collaborato per un anno con l’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Napoli occupandosi, prevalentemente, del contenzioso amministrativo. Nell’anno successivo, ha collaborato con uno studio legale napoletano operante nel settore amministrativo. Successivamente, si è occupato del contenzioso bancario e amministrativo presso studi legali con sede in Napoli e Verona. La passione per l’editoria gli ha permesso di intrattenere una collaborazione professionale con una nota casa editrice italiana. È autore di innumerevoli pubblicazioni sulla rivista “Gazzetta Forense” con la quale collabora assiduamente da giugno 2013. Ad oggi, intrattiene collaborazioni professionali con svariate riviste di settore e studi professionali. È titolare di “Salvis Juribus Law Firm”, studio legale presso cui, insieme ai suoi collaboratori, svolge quotidianamente l’attività professionale avendo modo di occuparsi, in particolare, di problematiche giuridiche relative ai Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici ed Appalti.

Articoli inerenti