Appropriazione indebita aggravata ex art. 61 c.p., n. 11: procedibile a querela della persona offesa

Appropriazione indebita aggravata ex art. 61 c.p., n. 11: procedibile a querela della persona offesa

Cass. pen., sez. II, 16 maggio 2019, n. 21491

La vicenda. Il Tribunale di Arezzo, adito in sede di riesame, rilevava la inammissibilità delle doglianze riguardanti le modalità esecutive del sequestro nonché le inammissibilità delle censure riguardanti il decreto preventivo emesso in via d’ urgenza dal P.M. nei confronti degli indagati per il reato di cui all’art. 646, art. 61 c.p., n. 11 in quanto provvedimento non impugnabile; revocava il sequestro probatorio operato in esecuzione del decreto di perquisizione emesso dal P.M., rigettando nel resto i ricorsi. Avverso l’ordinanza, gli imputati proponevano ricorsi per cassazione deducendo con un unico motivo violazione di legge in relazione al D.L. n. 36 del 2018.

La decisione. A seguito delle modifiche introdotte con il D.Lgs. n. 35 del 2018 anche l’appropriazione indebita aggravata ex art. 61 c.p., n. 11 è divenuta fattispecie penale procedibile esclusivamente a querela di parte; in particolare l’art. 10 del suddetto decreto legislativo ha espressamente disposto che: <<All’art. 646 c.p., approvato con R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398, il comma 3 è abrogato>>.

E poiché il suddetto comma 3 prevedeva espressamente delle deroghe al regime generale della procedibilità a querela stabilita dal comma 1, sia nei casi previsti dal comma 2 dello stesso art. 646 c.p. (cose possedute in deposito), sia ove ricorresse l’aggravante comune dell’art. 61 c.p., n. 11 (fatto commesso con abuso di autorità, relazioni di ufficio o di prestazione di opera etc…) il delitto di appropriazione indebita è divenuto sempre procedibile a querela della persona offesa.

Lo stesso decreto legislativo prevede, infatti, al successivo art. 11, delle ipotesi residuali di procedibilità di ufficio anche per i delitti di truffa ed appropriazione indebita che la stessa riforma ha previsto ora a procedibilità a querela; si stabilisce infatti che <<per i fatti perseguibili a querela preveduti dall’art. 640, comma 3, art. 640-ter, comma 4 e per i fatti di cui all’art. 646, comma 2, o aggravati dalle circostanze di cui all’art. 61, comma 1, n. 11. si procede d’ufficio qualora ricorrano circostanze aggravanti ad effetto speciale>>. Solo quindi in presenza di aggravanti ad effetto speciale potrà ritenersi continuare a sussistere la procedibilità di ufficio per il reato di appropriazione indebita aggravata ex art. 61 c.p., n. 11; in tutti gli altri rimanenti casi la procedibilità è a querela di parte.

consulenza_per_privati_e_aziende          consulenza_per_avvocati

Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Ideatore, Coordinatore e Capo redazione Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.
Salvis Juribus è la prima piattaforma online di legal social journalism che ti permette di scrivere articoli e guadagnare. L’iscrizione è gratuita e la tua retribuzione è basata su criteri meritocratici: i compensi, infatti, sono collegati al numero di utenti che leggono i tuoi contenuti. Più il tuo articolo è letto, più le tue possibilità di guadagno aumentano. Salvis Juribus non è solo una semplice piattaforma online, ma è una Rivista scientifica (ISSN: 2464-9775) che vanta un ampio network di cultori della materia giuridica. La presenza dell’ISSN consente di attribuire ai contributi presenti nella Rivista criteri di scientificità (L. 1/2009). La Rivista è, inoltre, inserita all’interno del portale ROAD patrocinato dall’UNESCO come portale scientifico open access. I contributi possono essere, quindi, presentati per la valutazione nei concorsi pubblici o in ambiente accademico.

Articoli inerenti