Il foglio di precisazione delle conclusioni va depositato in via telematica

Il foglio di precisazione delle conclusioni va depositato in via telematica

Tribunale di Milano, ordinanza, 23 febbraio 2016, n. 377


 

Nel caso in esame l’avvocato nel corso dell’udienza di precisazione delle conclusioni chiedeva al giudice di poter allegare il foglio di p.c. al verbale d’udienza non essendo abilitato alla visione del fascicolo tramite la consolle avvocato in quanto non era ancora stata inserita la propria anagrafica.

Il giudice non ha avuto dubbi nel non ammettere il deposito cartaceo del foglio di precisazione delle conclusioni in quanto, trattandosi di atto endoprocedimetale, tale incombente può essere espletato solamente in via telematica.

A nulla rileva che il legale non possa accedere al fascicolo stante il mancato inserimento della propria anagrafica nelle parti costituite in quanto è onere dello stesso attivarsi, tempestivamente, con la competente cancelleria al fine di risolvere la problematica. Qualora il legale non ottemperi a tale onere non può pretendere di sopperire alla propria mancanza chiedendo al magistrato di poter effettuare un deposito cartaceo non previsto dalla normativa.

Pertanto, stante il mancato deposito del foglio di precisazione delle conclusioni dette si intendono precisate come in atti e, più precisamente, nella comparsa di costituzione e risposta o nella memoria ai sensi dell’art. 183, sesto comma, n. 1, codice di rito.

consulenza legale salvis juribus

Segui la nostra redazione anche su Facebook!

Sei uno Studio Legale, un’impresa o un libero professionista? Sponsorizzati su Salvis Juribus! Scopri le nostre soluzioni pubblicitarie!


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.
Salvis Juribus è la prima piattaforma online di legal social journalism che ti permette di scrivere articoli e guadagnare. L’iscrizione è gratuita e la tua retribuzione è basata su criteri meritocratici: i compensi, infatti, sono collegati al numero di utenti che leggono i tuoi contenuti. Più il tuo articolo è letto, più le tue possibilità di guadagno aumentano. Salvis Juribus non è solo una semplice piattaforma online, ma è una Rivista scientifica (ISSN: 2464-9775) che vanta un ampio network di cultori della materia giuridica. La presenza dell’ISSN consente di attribuire ai contributi presenti nella Rivista criteri di scientificità (L. 1/2009). La Rivista è, inoltre, inserita all’interno del portale ROAD patrocinato dall’UNESCO come portale scientifico open access. I contributi possono essere, quindi, presentati per la valutazione nei concorsi pubblici o in ambiente accademico.

Articoli inerenti