Non è atto osceno fare sesso in un confessionale

Non è atto osceno fare sesso in un confessionale

Lo ha deciso la Corte d’appello di Bologna che ha prosciolto nei giorni scorsi una coppia dal reato di atti osceni in luogo pubblico, condannata in primo grado per aver consumato un rapporto sessuale all’interno del confessionale del duomo di Cesena.

La vicenda risale al giugno del 2008 quando i due giovani furono sorpresi mentre stavano compiendo un atto sessuale all’interno del confessionale. Subito denunciati per atti osceni in luogo pubblico, i giovani furono condannati in primo grado a tre mesi di reclusione con sospensione della pena. La comunità religiosa, all’epoca dei fatti, si turbò non poco. Subito vennero compiuti i riti opportuni per “benedire” nuovamente il confessionale profanato, nonché venne celebrata una messa di riparazione.

Ma, il difensore della coppia, l’avvocato Sintucci, non si è arreso ed ha deciso di proseguire la strada della giustizia per far valere una diversa interpretazione fatti riuscendo, con grande sorpresa, a convincere i giudici di appello e scagionare così i suoi assistiti.

Il legale ha sostenuto la tesi che in realtà il confessionale non può essere considerato un luogo esposto al pubblico, ma bensì un luogo chiuso, nel quale viene esercitato il riservatissimo sacramento della confessione. Ragion per cui non poteva ritenersi sussistere il reato di atti osceni in luogo pubblico dato che il luogo era privato.

La linea difensiva esposta ha sortito un buon effetto sui giudici.


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.

Giuseppe Di Micco

Il dott. Giuseppe Di Micco è nato a Napoli il 04/09/1986 e residente in Casoria (NA) alla via Ofanto 10. Dopo le scuole primarie, ha frequentato il liceo classico statale “GANDHI” di Casoria, conseguendo nel luglio del 2005 il diploma di maturità classica con votazione 96/100. Iscritto presso la facoltà di Giurisprudenza dell’ Università “Federico II” di Napoli, ha riportato il 06/07/2011, il titolo di dottore magistrale in Giurisprudenza con votazione 110 e lode discutendo una tesi in diritto canonico, dal titolo “Aspetti liturgici nel diritto canonico”. Iscritto presso il Registro dei Praticanti Avvocati di Napoli con delibera consiliare del 25/10/2011, ha svolto l’attività di pratica forense presso l’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Napoli, svolgendo sia attività di udienza che di redazione di atti e pareri in merito al contenzioso della P.A. Accanto alla pratica forense dopo la laurea ha cominciato a partecipare alle attività culturali organizzate dalla sezione di Diritto Ecclesiastico e Canonico del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Napoli “Federico II”. Nell’ottobre del 2012 è stato vincitore al concorso pubblico per l’ammissione alle scuole di dottorato di ricerca dell’Università Statale di Milano, in particolare per il dottorato in Scienze Giuridiche – Curriculum in Diritto Ecclesiastico e Canonico (Ciclo 28). Il 29 gennaio 2016 ha conseguito il titolo di dottore di ricerca, superando l’esame finale con la discussione di una tesi dal titolo "Matrimonio e consumazione nei diritti religiosi". Praticante Avvocato abilitato collabora attualmente presso studi legali di diritto civile, in particolare in materia di infortunistica, diritto del lavoro, diritto bancario, riscossione esattoriale. Collabora, inoltre, per il comitato di redazione della rivista on line Gazzetta Forense e Salvis Juribus con commenti a sentenze in materia di diritto civile. Collabora attivamente in ambito ecclesiale soprattutto nell’ambito liturgico e della formazione giovanile; è stato per il biennio 2013-2015 Presidente della Gioventù Francescana (GIFRA) di Afragola (NA). Attività scientifiche E’ stato organizzatore e moderatore del convegno dal titolo “La tutela della famiglia nell’ordinamento secolare e canonico. Aspetti pastorali e riforme processuali”, organizzato il 4 maggio 2018 presso la Pontificia Basilica S. Antonio da Padova Afragola (NA), accreditato presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli Nord, con il patrocinio dell’Associazione forense di Afragola e dell’Unione Giuristi Cattolici Italiani.Recapiti: 3336406057; giu_seppe_86@hotmail.it; pec:dimicco_giuseppe@pec.it

Articoli inerenti