Concorso EAV 2018 per 350 assunzioni: voto minimo non eliminato, via al ricorso

Concorso EAV 2018 per 350 assunzioni: voto minimo non eliminato, via al ricorso

Dopo tante polemiche, l’EAV ha deciso di modificare l’avviso pubblico per la selezione di 320 diplomati e 30 laureati da inquadrare in figure professionali del vigente CCNL autoferrotranvieri con rapporto di lavoro full time e a tempo indeterminato.

Si era deciso, infatti, di eliminare il limite del voto richiesto al diploma per la partecipazione alla procedura. Eppure, così non è stato dal momento che il bando contiene ancora lo sbarramento all’accesso, in barba ad ogni normativa.

Il nuovo bando, modificato il 5 settembre 2018, elimina il requisito del voto minimo di diploma solamente per gli “Operatori di Esercizio”, mentre conferma l’inserimento dell’odioso requisito per tutti gli altri profili professionali.

Clicca qui per visualizzare il bando di concorso

I diplomati dovranno quindi possedere un voto minimo di 48/60 (vecchio ordinamento) e di 80/100 (nuovo ordinamento); per i laureati, invece, è previsto il possesso di un voto non inferiore a 105/110.

Contro questo abuso non abbiamo intenzione di tacere, ma anzi abbiamo già avviato un ricorso collettivo con l’obiettivo di far ammettere alla selezione tutti i candidati a prescindere dal voto minimo.

Per noi si tratta di una battaglia di legalità che portiamo avanti da anni con orgoglio e soddisfazione.

Solo negli ultimi mesi i Giudici ci hanno dato ragione per ben 30 volte su questa specifica questione ammettendo i nostri ricorrenti a partecipare alle selezioni in meno di un mese.

Non possiamo togliere la speranza e l’entusiasmo a tanti giovani volenterosi della nostra Regione, che desiderano crearsi un avvenire stabile e sicuro per realizzare i loro sogni.

Ultimi aggiornamenti: il Giudice ci ha dato ragione

Abbiamo proposto ricorso al TAR per contestare l’abuso ed il Giudice ha accolto la nostra richiesta ammettendo un nostro Assistito alla selezione a prescindere dal voto di diploma.

<<Considerato che al pregiudizio lamentato dal ricorrente si possa ovviare, senza pregiudizio per l’interesse pubblico, mediante ammissione con riserva alla presentazione della propria candidatura nel profilo professionale prescelto, con dichiarazione del titolo di istruzione posseduto e del relativo voto, mediante compilazione del “form on line” ovvero, nel caso in cui perduri il denunciato blocco della piattaforma informatica, mediante la tempestiva presentazione di una corrispondente documentazione cartacea>> (T.A.R. Napoli, sez. III, decr.mon.caut. 12 ottobre 2018, n. 1478).

EAV si è opposto, ma il Giudice ha confermato l’ammissione al concorso

Subito dopo la pubblicazione del provvedimento che ha ammesso un nostro Assistito al concorso in questione a prescindere dal voto, l’EAV si è costituita nel giudizio ed ha chiesto la revoca del provvedimento.

Il Giudice ha, però, confermato il decreto affermando tra l’altro che: <<la prospettata sussistenza di blocchi informatici che impedirebbero la presentazione di una candidatura in difetto dei requisiti richiesti espone a rischio l’intera procedura di selezione, e quindi mette a repentaglio non solo la pienezza ed effettività della tutela giurisdizionale per il ricorrente, ma anche l’interesse pubblico e quello collettivo di tutti gli ammessi alla selezione, qualora il ricorrente sia di fatto escluso senza neppure avere avuto la possibilità di partecipare alla procedura unitamente agli altri concorrenti>> (T.A.R. Napoli, sez. III, decr.mon.caut. 23 ottobre 2018, n. 1512).

Altri nostri Assistiti sono stati ammessi a presentare la domanda

Si comunica che in data 29 ottobre 2018 il T.A.R. Napoli ha ammesso altri candidati che si sono rivolti al nostro Studio a presentare la domanda di partecipazione al concorso in questione a prescindere dall’odioso possesso di un voto minimo di diploma superiore.

Il Giudice ha, infatti, esteso la misura cautelare già concessa ribadendo che essa comporta <<essenzialmente da parte di EAV la eliminazione di blocchi informatici, nella misura in cui risultano in concreto sussistenti ed ostativi alla compilazione del prescritto form on line […] fatta salva l’ammissibilità di una corrispondente documentazione cartacea qualora per qualsiasi motivo permanesse un documentato blocco telematico>> (T.A.R. Napoli, sez. III, decr.mon.caut. 29 ottobre 2018, n. 1561).

Tutti coloro che possiedono un voto inferiore a quello richiesto dal bando possono rivolgersi con piena fiducia al nostro Studio per contestare l’illegittimo requisito loro richiesto. Per aderire all’azione collettiva non c’è bisogno di inoltrare la domanda di partecipazione al concorso!

Come aderire al ricorso

Aderire alla nostra azione collettiva è semplicissimo. Basta inviare la documentazione (scaricabile in fondo alla pagina) debitamente scansionata e comprensiva degli allegati all’indirizzo e-mail info@salvisjuribus.it scrivendo nell’oggetto del messaggio “Ricorso Concorso EAV 350 Assunzioni”. Per rimanere aggiornato sulle novità clicca Mi piace sulla nostra pagina Facebook.

***

Adesioni aperte fino al 2 novembre 2018 (termine non prorogabile)

Scarica i moduli di adesione al ricorso cliccando qui

consulenza_per_privati_e_aziende          consulenza_per_avvocati

Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Ideatore, Coordinatore e Capo redazione Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.

Avv. Giacomo Romano

Ideatore, coordinatore e capo redazione at Salvis Juribus
Nato a Napoli nel 1989, ha conseguito la laurea in giurisprudenza nell’ottobre 2012 con pieni voti e lode, presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, discutendo una tesi in diritto amministrativo dal titolo "Le c.d. clausole esorbitanti nell’esecuzione dell’appalto di opere pubbliche", relatore Prof. Fiorenzo Liguori. Nel luglio 2014 ha conseguito il diploma presso la Scuola di specializzazione per le professioni legali dell'Università degli Studi di Napoli Federico II. Subito dopo, ha collaborato per un anno con l’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Napoli occupandosi, prevalentemente, del contenzioso amministrativo. Nell’anno successivo, ha collaborato con uno studio legale napoletano operante nel settore amministrativo. Successivamente, si è occupato del contenzioso bancario e amministrativo presso studi legali con sede in Napoli e Verona. La passione per l’editoria gli ha permesso di intrattenere una collaborazione professionale con una nota casa editrice italiana. È autore di innumerevoli pubblicazioni sulla rivista “Gazzetta Forense” con la quale collabora assiduamente da giugno 2013. Ad oggi, intrattiene collaborazioni professionali con svariate riviste di settore e studi professionali. È titolare di “Salvis Juribus Law Firm”, studio legale presso cui, insieme ai suoi collaboratori, svolge quotidianamente l’attività professionale avendo modo di occuparsi, in particolare, di problematiche giuridiche relative ai Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici ed Appalti.

Articoli inerenti

Ricorso Esame Avvocato: lo Studio ha scoperto una grave illegittimità nelle Commissioni

Ricorso Esame Avvocato: lo Studio ha scoperto una grave illegittimità nelle Commissioni

Salvis Juribus Law Firm è specializzato nella tutela dei candidati ritenuti non idonei alle prove scritte ed orali dell’esame per l’abilitazione...