Esame Avvocato, Catania: se la Commissione è illegittima, i compiti vanno ricorretti

Esame Avvocato, Catania: se la Commissione è illegittima, i compiti vanno ricorretti

T.A.R. Sicilia – Catania, sez. IV, 15 dicembre 2017, n. 2916

La vicenda. La candidata svolgeva le prove scritte per l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense anno 2016 presso la Corte d’Appello di Catania, che venivano scrutinate dalla IV^ Sottocommissione costituita presso la Corte d’Appello di Lecce, riportando un punteggio complessivo pari a 75/150 (parere diritto civile 25; parere diritto penale 25; atto giudiziario 25), che non le consentiva – poiché inferiore al punteggio minimo di 90/150 – di sostenere le successive prove orali.

Non persuasa della correttezza delle valutazioni operate dalla suindicata commissione, l’aspirante avvocato impugnava il verbale che le conteneva, in uno con gli atti consequenziali adottati sul suo specifico presupposto, ivi contestando un vizio di costituzione della sottocommissione che aveva proceduto alla valutazione dei propri elaborati poiché composta da quattro avvocati e da un magistrato con pretermissione della componente accademica nonché un vizio di difetto di motivazione per la scelta del ricorso al (mero) voto numerico nella correzione degli elaborati.

La decisione. Il Consiglio di Stato, Sez. III, in sentenza 21 ottobre 2016, n. 4406, ha ribadito il principio secondo cui <<i membri effettivi e i membri supplenti delle Commissioni dell’esame di abilitazione all’esercizio della professione di avvocato sono fungibili, con possibilità di sostituzione in caso di assenza o impedimento, indipendentemente dalla qualifica professionale posseduta>>.

Il Collegio tuttavia, nel decidere, non h inteso discostarsi dalla linea interpretativa assolutamente prevalente nella giurisprudenza dei TT.AA.RR. – e che ha trovato, in tempi altrettanto recenti, un autorevole avallo nella giurisprudenza del giudice amministrativo siciliano di seconda istanza con l’ordinanza n. 668/2016 del CGA -, alla cui stregua <<negli esami di abilitazione all’esercizio della professione forense, ai sensi dell’art. 47 L. 31 dicembre 2012 n. 247 – norma immediatamente applicabile – la Commissione giudicatrice deve prevedere la presenza anche di un magistrato, dovendosi ritenere da un lato che la volontà del Legislatore sia nel senso di far venire meno il principio di fungibilità fra membri effettivi e membri supplenti indipendentemente dalla qualifica professionale e, dall’altro lato, che sia appunto necessaria nelle sedute la presenza di membri appartenenti alle tre diverse realtà del mondo giuridico (forense, magistratuale ed accademica) secondo la proporzione stabilita dalla legge>>( T.A.R. Milano, Sez. III, sent. 26 settembre 2016, n. 1733).

Per quanto infatti la esegesi seguita dal Consiglio di Stato nella sentenza sopra indicata muova da una preoccupazione certamente meritevole di attenzione, quale quella di <<assicurare lo svolgimento delle funzioni della Commissione in termini di effettività e tempestività, nel rispetto dei principi fissati dall’art. 97 della Costituzione, atteso il rilevante interesse pubblico allo svolgimento delle sessioni di esami di abilitazioni professionali in termini di economicità e celerità nonché del principio di buon andamento dell’azione amministrativa, senza pertanto che possano rinvenirsi i censurati profili di contrasto con i principi costituzionali>>, la sua applicazione rischia di entrare in urto col principio di eguaglianza garantito dall’art. 3 Cost..

Ove infatti si volesse ammettere la legittimità di una composizione a “geometria variabile” – in base alla girandola delle sostituzioni – della commissione di cui al comma 3 dell’art. 47 della L. n. 247/2012, si finirebbe con il giustificare la possibilità di una disparità di trattamento nella valutazione degli elaborati dei soggetti scrutinati, a seconda che esse risultino costituite o meno nel rispetto delle <<tre diverse realtà del mondo giuridico>>.

Pertanto il Collegio ha preferito una esegesi in funzione costituzionalmente orientata, che eviti la summenzionata disparità di trattamento fra i più partecipanti alle procedure di abilitazione all’esercizio della professione forense, piuttosto che privilegiare ad ogni costo la continuità dell’azione amministrativa ex art. 97 Cost..

In conclusione, il Collegio ha accolto il ricorso annullando i provvedimenti con esso impugnati, ed obbligando di conseguenza la Commissione nella giusta composizione a procedere ad una nuova correzione di tutti gli elaborati della ricorrente, nel rispetto del principio dell’anonimato.

Salvis Juribus Law Firm quest’anno ha già conseguito varie vittorie giudiziali presso i TT.AA.RR. di Napoli, Catanzaro e Firenze nei giudizi patrocinati dall’Avv. Giacomo Romano volti a contestare gli esiti delle prove scritte ed ora lo Studio legale è pronto ad agire anche contro gli abusi commessi dalle Commissioni d’esame durante lo svolgimento delle prove orali.

Come fare ricorso in caso di esclusione

Aderire alla nostra azione è semplicissimo. Basta inviare la documentazione (scaricabile in fondo alla pagina) debitamente scansionata e comprensiva degli allegati all’indirizzo e-mail info@salvisjuribus.it scrivendo nell’oggetto del messaggio “Ricorso Esame Avvocato”. Per rimanere aggiornato sulle novità clicca Mi piace sulla nostra pagina Facebook.

***

Adesioni entro 60 giorni dal provvedimento di inidoneità

Scarica i moduli di adesione al ricorso cliccando qui (Prove Scritte)

Scarica i moduli di adesione al ricorso cliccando qui (Prova Orale)

consulenza_per_privati_e_aziende          consulenza_per_avvocati

Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Ideatore, Coordinatore e Capo redazione Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.

Avv. Giacomo Romano

Ideatore, coordinatore e capo redazione at Salvis Juribus
Nato a Napoli nel 1989, ha conseguito la laurea in giurisprudenza nell’ottobre 2012 con pieni voti e lode, presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, discutendo una tesi in diritto amministrativo dal titolo "Le c.d. clausole esorbitanti nell’esecuzione dell’appalto di opere pubbliche", relatore Prof. Fiorenzo Liguori. Nel luglio 2014 ha conseguito il diploma presso la Scuola di specializzazione per le professioni legali dell'Università degli Studi di Napoli Federico II. Subito dopo, ha collaborato per un anno con l’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Napoli occupandosi, prevalentemente, del contenzioso amministrativo. Nell’anno successivo, ha collaborato con uno studio legale napoletano operante nel settore amministrativo. Successivamente, si è occupato del contenzioso bancario e amministrativo presso studi legali con sede in Napoli e Verona. La passione per l’editoria gli ha permesso di intrattenere una collaborazione professionale con una nota casa editrice italiana. È autore di innumerevoli pubblicazioni sulla rivista “Gazzetta Forense” con la quale collabora assiduamente da giugno 2013. Ad oggi, intrattiene collaborazioni professionali con svariate riviste di settore e studi professionali. È titolare di “Salvis Juribus Law Firm”, studio legale presso cui, insieme ai suoi collaboratori, svolge quotidianamente l’attività professionale avendo modo di occuparsi, in particolare, di problematiche giuridiche relative ai Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici ed Appalti.

Articoli inerenti