RISARCIMENTO DA PERDITA DI CHANCE: bisogna dimostrare che l’offerta si sarebbe classificata al primo posto

RISARCIMENTO DA PERDITA DI CHANCE: bisogna dimostrare che l’offerta si sarebbe classificata al primo posto

T.A.R. Lombardia, Milano, Sez. I, Pres. Mariuzzo – Est. Simboli, 30 luglio 2014, n. 2152

Il danno da perdita di chance ha un ambito di applicazione del tutto distinto rispetto al nocumento cagionato allaspettativa di risultato favorevole. Si tratta, invero, di figura elaborata al fine di traslaresul versante delle situazioni soggettive (quindi, del danno ingiusto) un problema di causalità incerta: quello cioè delle fattispecie in cui non sia affatto possibile accertare, già in astratto ed in termini oggettivi, se un determinato esito vantaggioso si sarebbe o meno verificato senza lingerenza illecita del danneggiante. Per superare limpasse (linsuperabile deficienza cognitiva del processo eziologico), ecco come il sacrificio della possibilità di conseguire il risultato finale viene fatto assurgere a bene autonomo. Quando, invece, non sussiste alcuna incertezza empirica perché la verificazione dellevento finale può essere empiricamente riscontrata, non ricorrono i presupposti (e finanche la necessità) per loperatività della chance. Ragionando diversamente, la chance finirebbe per essere invocata in termini di mera semplificazione probatoria, ovvero come frazione probabilistica (che nella vera chance potrebbe rappresentare soltanto un criterio estimativo) di un risultato finale di cui (poteva essere fornita, ma) è mancata la prova.

Il fatto

Il contenzioso risarcitorio traeva origine dall’annullamento del provvedimento di riconvocazione della commissione di una gara d’appalto pubblico,ritenuto illegittimo per vizio di incompetenza, in quanto non adottato dalla stazione appaltante, ma dal Presidente della Commissione.

Tale riconvocazione era stata impugnata dal soggetto che aveva ottenuto in via provvisoria l’aggiudicazione della gara e che si lamentava, in particolare, della decisione della commissione di annullare tale aggiudicazione (disposta solo il giorno prima) e di riammettere alla procedura un soggetto inizialmente escluso; il che aveva determinato il rifacimento delle operazioni fin lì svolte, però, con una differente soglia di anomalia e, infine, l’aggiudicazione definitiva dell’appalto ad un terzo partecipante.

Il primo aggiudicatario agiva, quindi, per il risarcimento del danno ingiusto asseritamente subito in conseguenza dell’illegittimo ritiro dell’aggiudicazione provvisoria, lamentando differenti voci di danno, tra cui quella del danno da perdita di chance.

La decisione

La domanda risarcitoria, nelle sue diverse articolazioni, è stata respinta dal T.A.R. lombardo, sostanzialmente in ragione del fatto che nel giudizio risarcitorio non è stata data la prova della spettanza del ‘bene della vita’ perseguito con la partecipazione alla gara d’appalto, e che a tal fine non è certo sufficiente invocare l’illegittimità del suindicato provvedimento della commissione, anche in ragione del tipo di vizio accertato.

Infatti, “non può affatto assumersi (in termini di prognosi postuma e di giudizio controfattuale) che, senza l’agire illegittimo, la ricorrente avrebbe ottenuto l’aggiudicazione definitiva dell’appalto classificandosi al primo posto”.

Ebbene, con specifico riguardo alla perdita di chance, il T.A.R. ha ritenuto che nel caso di specie non vi fosse alcun problema di incertezza oggettiva del decorso causale.

Il tipo di vizio accertato (l’incompetenza del Presidente della Commissione), i criteri che presiedevano alla selezione del vincitore (non ostativi alla possibilità di ripetizione virtuale dell’esito della gara), la mancata dimostrazione (nel presente giudizio) dell’illegittimità della riammissione in gara della impresa concorrente (che aveva comportato il ricalcolo della soglia di anomalia e il nuovo esito della gara in favore di altra impresa), sono tutte circostanze che consentono di affermare che, in ogni caso, l’offerta presentata dalla ricorrente era di contenuto tale da non consentirle di classificarsi al primo posto nella graduatoria della gara.

La fattispecie, in definitiva, non si lascia ricondurre alla chance, in quanto il giudizio di ingiustizia poteva assumere ad oggetto solo l’accertamento ex post della spettanza del risultato finale (che la ricorrente non è riuscita a dimostrare esserle dovuto).

CONFORMI: T.A.R. Lombardia, Milano, Sez. I, 17 marzo 2014, n. 679; T.A.R. Toscana, Sez. III, 14 febbraio 2013, n. 255; T.A.R. Sardegna, Sez. I, 17 giugno 2011, n. 609.


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.

Avv. Giacomo Romano

Ideatore e Coordinatore at Salvis Juribus
Nato a Napoli nel 1989, ha conseguito la laurea in giurisprudenza nell’ottobre 2012 con pieni voti e lode, presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, discutendo una tesi in diritto amministrativo dal titolo "Le c.d. clausole esorbitanti nell’esecuzione dell’appalto di opere pubbliche", relatore Prof. Fiorenzo Liguori. Nel luglio 2014 ha conseguito il diploma presso la Scuola di specializzazione per le professioni legali dell'Università degli Studi di Napoli Federico II. Subito dopo, ha collaborato per un anno con l’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Napoli occupandosi, prevalentemente, del contenzioso amministrativo. Nell’anno successivo, ha collaborato con uno studio legale napoletano operante nel settore amministrativo. Successivamente, si è occupato del contenzioso bancario e amministrativo presso studi legali con sede in Napoli e Verona. La passione per l’editoria gli ha permesso di intrattenere una collaborazione professionale con una nota casa editrice italiana. È autore di innumerevoli pubblicazioni sulla rivista “Gazzetta Forense” con la quale collabora assiduamente da giugno 2013. Ad oggi, intrattiene collaborazioni professionali con svariate riviste di settore e studi professionali. È titolare di “Salvis Juribus Law Firm”, studio legale presso cui, insieme ai suoi collaboratori, svolge quotidianamente l’attività professionale avendo modo di occuparsi, in particolare, di problematiche giuridiche relative ai Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici ed Appalti.

Articoli inerenti