Ross, il primo avvocato robot lavora in uno studio legale americano

Ross, il primo avvocato robot lavora in uno studio legale americano

Change is the law of life. Those who look only to the past or present are certain to miss the future. — John F. Kennedy

Baker & Hostetler, una delle principali aziende legali americane ha acquistato la licenza di Ross per gestire i processi di bancarotta.

Ross è la prima intelligenza artificiale sviluppata per comprendere e affrontare le cause legali. Basato sulle tecnologie di Watson, il “computer cognitivo” di Ibm, è programmato per leggere e comprendere il linguaggio degli avvocati, porre ipotesi, fare ricerche su casi analoghi e arrivare a responsi.

È, inoltre, in grado di imparare con l’esperienza, migliorando la sua velocità d’esecuzione col passare del tempo.

Una descrizione sul sito della tecnologia recita: «Gli poni le tue domande in inglese semplice, come faresti con un collega, e poi Ross passa in rassegna l’intero corpus legale e ti dà una risposta contenente una citazione e letture a tema a partire dalle leggi, dai precedenti legali e dalle fonti secondarie per metterti velocemente in moto».

Inoltre, «Ross monitora la sfera legale senza interruzioni per notificarti di eventuali nuovi verdetti che possono interessare il tuo caso».

Il Ceo di Baker & Hostetler Andrew Arruda ha rivelato che il suo studio non è l’unico ad aver stretto un accordo con Ibm per l’uso dell’intelligenza artificiale, e altre aziende faranno annunci in tal senso nelle prossime settimane.


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.
Salvis Juribus è la prima piattaforma online di legal social journalism che ti permette di scrivere articoli e guadagnare. L’iscrizione è gratuita e la tua retribuzione è basata su criteri meritocratici: i compensi, infatti, sono collegati al numero di utenti che leggono i tuoi contenuti. Più il tuo articolo è letto, più le tue possibilità di guadagno aumentano. Salvis Juribus non è solo una semplice piattaforma online, ma è una Rivista scientifica (ISSN: 2464-9775) che vanta un ampio network di cultori della materia giuridica. La presenza dell’ISSN consente di attribuire ai contributi presenti nella Rivista criteri di scientificità (L. 1/2009). La Rivista è, inoltre, inserita all’interno del portale ROAD patrocinato dall’UNESCO come portale scientifico open access. I contributi possono essere, quindi, presentati per la valutazione nei concorsi pubblici o in ambiente accademico.

Articoli inerenti