Vietato notificare il precetto senza dare al debitore il tempo di pagare

Vietato notificare il precetto senza dare al debitore il tempo di pagare

Cass. Civ., Sez. Un., nn. 13797/2012 e 27214/2009

Commette illecito disciplinare l’avvocato che notifica subito il precetto, senza prima avvisare il collega di controparte e dare al debitore il tempo di pagare spontaneamente.

Si tratta di una regola deontologica la cui violazione può comportare una sanzione disciplinare per l’avvocato troppo tempestivo nella riscossione del credito.

È quanto hanno sostenuto, per ben due volte negli ultimi tempi, le Sezioni Unite della Cassazione, sottolineando l’importanza del dovere di lealtà e correttezza nei confronti dei colleghi e il divieto di aggravare la situazione debitoria della controparte.

Secondo i giudici, quindi, non basta ottenere la sentenza di condanna del debitore per notificare il precetto e agire in esecuzione forzata. Infatti, se il credito da azionare è irrisorio, e crescerebbe per effetto delle spese e onorari del precetto, e se il debitore non ha manifestato espressamente il rifiuto di adempiere, occorre avvisare il collega di controparte ed attendere la possibilità di un accordo bonario.

Agire tempestivamente per la riscossione del credito notificando il precetto al debitore comporterebbe la violazione di due norme deontologiche:

  • dovere di lealtà e correttezza nei confronti del collega di controparte: esso impone all’avvocato diligente di contattare previamente il collega per verificare le intenzioni del debitore e le modalità con cui procedere [1]. La controparte potrebbe infatti voler adempiere spontaneamente senza che sia necessario l’atto di precetto;

  • divieto di pluralità di azioni giudiziali gravose per la situazione debitoria della controparte: dato che il precetto aumenterebbe l’importo del debito (andando a comprendere ulteriori spese e onorari), sarebbe inutile, oltre che ingiusto, notificarlo prima di valutare la possibilità che il debitore adempia di sua spontanea volontà [2].

[1] Attuale art. 66 cod. deontologico forense.

[2] Attuale art. 19 cod. deontologico forense.

PER APPROFONDIMENTI

Acquista i seguenti volumi:

 

consulenza legale salvis juribus

Segui la nostra redazione anche su Facebook!

Sei uno Studio Legale, un’impresa o un libero professionista? Sponsorizzati su Salvis Juribus! Scopri le nostre soluzioni pubblicitarie!


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.
Salvis Juribus è la prima piattaforma online di legal social journalism che ti permette di scrivere articoli e guadagnare. L’iscrizione è gratuita e la tua retribuzione è basata su criteri meritocratici: i compensi, infatti, sono collegati al numero di utenti che leggono i tuoi contenuti. Più il tuo articolo è letto, più le tue possibilità di guadagno aumentano. Salvis Juribus non è solo una semplice piattaforma online, ma è una Rivista scientifica (ISSN: 2464-9775) che vanta un ampio network di cultori della materia giuridica. La presenza dell’ISSN consente di attribuire ai contributi presenti nella Rivista criteri di scientificità (L. 1/2009). La Rivista è, inoltre, inserita all’interno del portale ROAD patrocinato dall’UNESCO come portale scientifico open access. I contributi possono essere, quindi, presentati per la valutazione nei concorsi pubblici o in ambiente accademico.

Articoli inerenti