Laurea in giurisprudenza: verso il numero chiuso per l’accesso alle professioni

Laurea in giurisprudenza: verso il numero chiuso per l’accesso alle professioni

a cura della redazione di Salvis Juribus

Un provvedimento in arrivo sul tavolo del MIUR potrebbe portare una nuova ondata di ottimismo nel mondo degli operatori del diritto.

Invero, la proposta prevede la predisposizione di due corsi di laurea in giurisprudenza a seconda che si voglia intraprendere la libera professione (avvocato e notaio) oppure no.

Il progetto prevede l’abolizione del ciclo unico, attualmente in vigore, e la predisposizione di due corsi di laurea diversi tra loro per struttura e finalità. Il primo con formula 3+2, che risponderà ad esigenze di mercato più specifiche, consentendo ai futuri studenti di scegliere in maniera più libera il metodo di acquisizione dei crediti formativi; un secondo percorso, organizzato secondo la formula del 4+1, con un quadriennio ad accesso libero e l’ultimo anno a numero chiuso, per coloro i quali vorranno intraprendere la strada della professione (avvocato, notaio).

Inoltre, cosi come previsto dalla legge professionale forense (L. n. 247/2012), agli studenti del ciclo 4+1, si darà la possibilità di anticipare sei dei 18 mesi di pratica forense durante il percorso di studi.

Una proposta che cerca di dare una risposta definitiva alla richiesta, proveniente sia dalla comunità scientifica sia dagli operatori del diritto, di maggiore specializzazione e settorializzazione degli studenti.


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it

Articoli inerenti