TFR: entro quanto tempo va liquidato? Come comportarsi se il datore di lavoro non provvede

TFR: entro quanto tempo va liquidato? Come comportarsi se il datore di lavoro non provvede

Prima di dare una risposta al quesito vediamo di dare una definizione di “trattamento di fine rapporto” detto anche buona uscita o liquidazione.

Con l’espressione “trattamento di fine rapporto” che cosa si intende? Si intende quella somma che il datore di lavoro deve corrispondere all’ ex dipendente nel momento in cui il rapporto di lavoro, per vari motivi, viene a cessare.

La norma di riferimento è l’art. 2120 c.c. che così recita “In ogni caso di cessazione del rapporto di lavoro subordinato, il prestatore di lavoro ha diritto a un trattamento di fine rapporto. Tale trattamento si calcola sommando per ciascun anno di servizio una quota pari e comunque non superiore all’importo della retribuzione dovuta per l’anno stesso divisa per 13,5. La quota è proporzionalmente ridotta per le frazioni di anno, computandosi come mese intero le frazioni di mese uguali o superiori a 15 giorni.

Salvo diversa previsione dei contratti collettivi la retribuzione annua, ai fini del comma precedente, comprende tutte le somme, compreso l’equivalente delle prestazioni in natura, corrisposte in dipendenza del rapporto di lavoro, a titolo non occasionale e con esclusione di quanto è corrisposto a titolo di rimborso spese.

In caso di sospensione della prestazione di lavoro nel corso dell’anno per una delle cause di cui all’articolo 2110, nonché in caso di sospensione totale o parziale per la quale sia prevista l’integrazione salariale, deve essere computato nella retribuzione di cui al primo comma l’equivalente della retribuzione a cui il lavoratore avrebbe avuto diritto in caso di normale svolgimento del rapporto di lavoro.

Il trattamento di cui al precedente primo comma, con esclusione della quota maturata nell’anno, è incrementato, su base composta, al 31 dicembre di ogni anno, con l’applicazione di un tasso costituito dall’1,5 per cento in misura fissa e dal 75 per cento dell’aumento dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, accertato dall’ISTAT, rispetto al mese di dicembre dell’anno precedente.

Ai fini dell’applicazione del tasso di rivalutazione di cui al comma precedente per frazioni di anno, l’incremento dell’indice ISTAT è quello risultante nel mese di cessazione del rapporto di lavoro rispetto a quello di dicembre dell’anno precedente. Le frazioni di mese uguali o superiori a quindici giorni si computano come mese intero.

Il prestatore di lavoro, con almeno otto anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro, può chiedere, in costanza di rapporto di lavoro, una anticipazione non superiore al 70 per cento sul trattamento cui avrebbe diritto nel caso di cessazione del rapporto alla data della richiesta.

Le richieste sono soddisfatte annualmente entro i limiti del 10 per cento degli aventi titolo, di cui al precedente comma, e comunque del 4 per cento del numero totale dei dipendenti.

La richiesta deve essere giustificata dalla necessità di:

  1. a) eventuali spese sanitarie per terapie o interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche;

  2. b) acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile .

L’anticipazione può essere ottenuta una sola volta nel corso del rapporto di lavoro e viene detratta, a tutti gli effetti, dal trattamento di fine rapporto.

Nell’ipotesi di cui all’articolo 2122 la stessa anticipazione è detratta dall’indennità prevista dalla norma medesima.

Condizioni di miglior favore possono essere previste dai contratti collettivi o da patti individuali. I contratti collettivi possono altresì stabilire criteri di priorità per l’accoglimento delle richieste di anticipazione”.

Il trattamento di fine rapporto va elargito sia nell’ipotesi di licenziamento, sia nell’ ìpotesi di dimissioni.

Entro quanto tempo va liquidato?

Materialmente il TFR va liquidato nel momento in cui cessa il rapporto di lavoro, ma per svariati motivi può accadere che venga pagato in ritardo, in ogni caso entro il termine indicato dal CCNL.

Nel caso in cui il datore di lavoro non adempia che occorre fare?

In caso di ritardo il datore di lavoro è tenuto a corrispondere gli interessi maturati dal giorno in cui avrebbe dovuto corrispondere la somma al giorno effettivo di consegna e la rivalutazione monetaria.

Come deve comportarsi il lavoratore in caso di ritardo?

Il lavoratore prima di chiedere l’assistenza di un legale esperto della materia può inviare una lettera di sollecito al datore in cui lo invita entro un termine a provvedere al pagamento del TFR, evidenziando che nel caso in cui non provvedesse al pagamento provvederà ad avviare l’azione legale.

Il legale incaricato procederà ad uno screening al fine di valutare la possibilità di recuperare le somme dovute.

L’attività del legale si snoda in due tappe :

  • una stragiudiziale: invio di una lettera raccomandata contenente l’intimazione di pagamento;

  • in caso di esito negativo si apre la seconda tappa quella giudiziale. In questo caso il legale procederà a redigere un ricorso per decreto ingiuntivo. Nel caso in cui il giudizio non sortisca alcun effetto occorrerà rivolgersi al Fondo di Garanzia dell’Inps. Il Fondo, provvederà a pagare il lavoratore, per poi esperire l’azione di recupero nei confronti del datore insolvente.

Consiglio: E’ sempre bene consultare un legale esperto della materia per evitare di perdere il recupero della somma dovuta a titolo di TFR.

Avv. Luisa Camboni

Via Muraglia, n. 57 – 09025 Sanluri

Tel. 070 7567928 – cell. 328 1083342

Mail: avv.camboni@tiscali.it

consulenza_per_privati_e_aziende          consulenza_per_avvocati

Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Ideatore, Coordinatore e Capo redazione Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.

Luisa Camboni

Lo studio offre la propria serietà, professionalità e competenza ai propri clienti, svolgendo consulenza ed assistenza legale nei diversi ambiti del diritto civile (comunione,locazioni...) e nei settori del diritto di famiglia: separazione consensuale e giudiziale, divorzio, affidamento condiviso, riconoscimento di paternità, tutela dei minori, ed eredità; lo studio offre, inoltre, tutela legale nel campo delle obbligazioni (recupero crediti, contrattualistica) e della responsabilità civile, ivi compresa l'infortunistica stradale e, infine,in materia di diritto del lavoro e di diritto penale. Attivo a Sanluri, lo studio legale dell' avv. Camboni è conosciuto ed apprezzato per le doti professionali e per la particolare cortesia e disponibilità sempre riservata ai propri clienti. La competenza e la professionalità sono garantite dalla partecipazione assidua ai corsi ed ai seminari di formazione professionale continua, conformemente alle prescrizioni del Consiglio Nazionale Forense e del Consiglio dell\'Ordine degli Avvocati di Cagliari. E' iscritta nel Registro degli Amministratori di Sostegno della provincia di Cagliari e del Medio Campidano.

Articoli inerenti