L’adozione internazionale

L’adozione internazionale

Adozione internazionale: Cos’è e i requisiti per adottare un bambino

L’adozione internazionale consente l’adozione di minori stranieri residenti in un Paese estero, qualora si trovino in stato di abbandono, privi di assistenza morale e materiale e non sussistono misure di tutela nello Stato di origine.

Possono adottare un minore straniero:

  • le persone italiane o straniere residenti in Italia;

  • i cittadini italiani residenti in uno stato estero.

Con l’adozione internazionale il minore diventerà a tutti gli effetti figlio legittimo.

I requisiti per adottare un bambino sono :

  • residenza in Italia o all’estero (purché venga mantenuta la cittadinanza italiana);

  • i coniugi devono essere sposati da almeno tre anni e tra loro non deve sussistere e non deve aver avuto luogo negli ultimi tre anni separazione personale;

  • maggiore età degli adottanti e non più di 45 anni per l’adottando;

  • idoneità ad educare, istruire e mantenere i minori;

  • decreto di idoneità alla adozione emesso dal Tribunale per i minorenni.

Adozione internazionale: procedura

Chi desidera adottare un bambino straniero deve presentare una dichiarazione di disponibilità ad adottare presso il Tribunale per i minorenni competente in base al luogo di residenza (nel caso di cittadini italiani residenti all’estero sarà competente il Tribunale per i minorenni del distretto di ultima residenza o in alternativa quello di Roma).

Il Tribunale per i minorenni potrà emettere immediatamente decreto di inidoneità all’adozione o trasmettere, entro 15 giorni dalla presentazione della domanda, copia della dichiarazione di disponibilità ai servizi sociali, affinché compiano tutte le attività di verifica e controllo sulla situazione personale e familiare degli aspiranti genitori, nonché su qualsiasi altra circostanza utile a verificare la loro idoneità.

I servizi sociali avranno 4 mesi di tempo per compiere tutti gli accertamenti, allo scadere dei quali dovranno trasmettere una relazione al Tribunale che gli ha incaricati.

Il Tribunale, acquisita la relazione, e dopo aver sentito i coniugi/aspiranti genitori, emetterà (entro i 2 mesi successivi) decreto di idoneità o inidoneità all’adozione. Il decreto di inidoneità è impugnabile in Corte di Appello.

Gli aspiranti genitori avranno un anno di tempo, dalla emissione del decreto, per avviare la procedura di adozione internazionale.

Tutta la documentazione acquisita fino alla emissione del decreto (compresa la relazione dei servizi sociali) sarà trasmessa alla Commissione per le adozioni internazionali.

Se non è stato individuato preventivamente, gli aspiranti all’adozione dovranno individuare un Ente autorizzato cui conferire l’incarico di seguire la procedura di adozione.

Conclusa la procedura l’autorità straniera emetterà un provvedimento con cui autorizza o meno l’adozione o in alternativa l’affidamento del minore. Tale provvedimento verrà trasmesso alla Commissione la quale, valutate le conclusioni dell’ente, previo accertamento se l’adozione risponda o meno al superiore interesse del minore, ne autorizzerà l’ingresso e la residenza permanente in Italia.

Se invece l’autorità straniera emette un provvedimento di affidamento, il Tribunale per i minorenni lo riconosce come affidamento preadottivo, che durerà un anno. Decorso tale periodo, il Tribunale pronuncia l’adozione e ne ordina la trascrizione nei registri di stato civile.

consulenza_per_privati_e_aziende          consulenza_per_avvocati

Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Ideatore, Coordinatore e Capo redazione Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.
Ha conseguito la Laurea Magistrale in Giurisprudenza presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Palermo discutendo una tesi sperimentale in Diritto Penale Tributario e ha ottenuto il Diploma di Specializzazione in Professioni Legali preso la medesima Università. Al termine del percorso post laurea ha lavorato negli uffici della Procura delle Repubblica presso il Tribunale di Palermo come tirocinante, affiancando il Pubblico Ministero nelle udienze e nella redazione degli atti giudiziali. Ha conseguito un Diploma in Diritto Tributario Europeo ed Internazionale presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Palermo, ha frequentato un corso telematico in Diritto Penale Internazionale organizzato dalla School of Law della Case Western Reserve University di Cleveland, in Ohio (USA) e ha inoltre frequentato il Master biennale in Difensore Tributario organizzato dall’Unione Nazionale delle Camere degli Avvocati Tributaristi. Negli anni ha maturato una specifica competenza in tema di Diritto immobiliare e Diritti reali, Diritto tributario, Diritto dell’Immigrazione, nonché in tema di reati fiscali, reati economici e nel settore delle Misure di prevenzione personali e patrimoniali. Approfondito il settore dell'assistenza alle imprese e specificamente dell’auto-imprenditorialità, valido strumento per la creazione di opportunità professionali giovanili, fornisce specifica assistenza in tema di Start-up, Start-up innovative ed internazionalizzazione delle PMI, in stretta correlazione con la nuova normativa italiana in tema di microcredito e mentoring. Di lingua madre italiana, parla fluentemente la lingua inglese e conosce la lingua francese.

Latest posts by Gioia Arnone (see all)

Articoli inerenti