Riforma forense: la nuova legge professionale

Riforma forense: la nuova legge professionale

La Legge 31 dicembre 2012, n. 247 ha ridefinito la pratica forense.

Vi è stato anche il parere favorevole di Senato e Camera sul decreto ministeriale concernente l’attività di tirocinio necessaria per l’accesso della professione.

Innanzitutto vi sono obblighi maggiori a carico del dominus che prende in carico un nuovo “praticante”:

  • il tirocinio deve essere svolto dignitosamente ed in modo proficuo, poiché è un’attività volta all’acquisizione della conoscenza di una professione;

  • l’avvocato formatore non potrà avere più di tre praticanti contemporaneamente, salvo casi particolari ed espressamente autorizzati dal Consiglio dell’Ordine di appartenenza;

  • pur non sussistendo alcun tipo di rapporto di lavoro subordinato, occorre corrispondere un rimborso spese al praticante; inoltre decorso il primo semestre, vi è la possibilità di stipulare un apposito contratto con il quale venga riconosciuto un compenso al praticante per l’attività svolta per conto dello studio presso il quale lavora;

  • l’avvocato non deve incaricare il praticante di svolgere attività difensiva non consentita e deve adoperarsi affinché sia rispettata la massima riservatezza ed il segreto professionale in relazione a fatti e circostanze apprese nella loro qualità o per effetto dell’attività svolta.

I doveri del praticante a seguito della legge 247/2012:

  • frequenza continuativa presso lo studio dell’avvocato formatore;

  • svolgimento del tirocinio con assiduità, riservatezza e diligenza, dunque rispettando sin da subito le norme di deontologia professionale.


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.
Salvis Juribus è la prima piattaforma online di legal social journalism che ti permette di scrivere articoli e guadagnare. L’iscrizione è gratuita e la tua retribuzione è basata su criteri meritocratici: i compensi, infatti, sono collegati al numero di utenti che leggono i tuoi contenuti. Più il tuo articolo è letto, più le tue possibilità di guadagno aumentano. Salvis Juribus non è solo una semplice piattaforma online, ma è una Rivista scientifica (ISSN: 2464-9775) che vanta un ampio network di cultori della materia giuridica. La presenza dell’ISSN consente di attribuire ai contributi presenti nella Rivista criteri di scientificità (L. 1/2009). La Rivista è, inoltre, inserita all’interno del portale ROAD patrocinato dall’UNESCO come portale scientifico open access. I contributi possono essere, quindi, presentati per la valutazione nei concorsi pubblici o in ambiente accademico.

Articoli inerenti