Clima velenoso, sanzione disciplinare: no alla malattia professionale

Clima velenoso, sanzione disciplinare: no alla malattia professionale

Respinta ogni pretesa di un vigile urbano nei confronti del Comune. Generico e non sufficiente il richiamo a un presunto clima velenoso in ufficio. Impossibile collegare la malattia lamentata dall’uomo con i problemi in ambito lavorativo.

Lo ha chiarito la Corte di Cassazione, sez. Lavoro, con la sentenza n. 6495 depositata il 4 aprile 2016.

Un vigile urbano lamentava l’insorgere di una “sindrome psicotica-neurotica”, con annessa insonnia, a suo dire causata da un ambiente di lavoro ostico. Sicché, pretendeva il riconoscimento della «causa di servizio».

Sia il Tribunale che la Corte d’Appello, però, rigettavano le richieste dell’uomo rilevando che non era stata fornita una «descrizione puntuale dei fatti che avrebbero generato la patologia» e mancava la prova del «nesso di casualità tra gli episodi verificatisi sul luogo di lavoro e le patologie riscontrate».

Troppo generico, e quindi inutile, il «semplice richiamo», fatto dal vigile, ad un «ambiente ostico».

Anche gli Ermellini hanno avallato le sentenze di merito affermando che non basta il riferimento ad un «ambiente di lavoro ostico» né appare rilevante il presunto «clima» velenoso, asseritamente provocato dalla «sottoposizione a un ingiusto procedimento disciplinare» ad opera del Comandante del Corpo di Polizia municipale.

Nessun collegamento, quindi, tra i fatti. In altri termini, manca la dimostrazione del «nesso» tra la «patologia» e la «prestazione lavorativa».

Respinta, quindi, l’ipotesi della “malattia professionale” e della “causa di servizio”. Impossibile, di conseguenza, pensare a un risarcimento da parte dell’ente pubblico.

consulenza legale salvis juribus

Segui la nostra redazione anche su Facebook!

Sei uno Studio Legale, un’impresa o un libero professionista? Sponsorizzati su Salvis Juribus! Scopri le nostre soluzioni pubblicitarie!

Usa la nostra utility per il calcolo del danno biologico di lieve entità!


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.
Salvis Juribus è la prima piattaforma online di legal social journalism che ti permette di scrivere articoli e guadagnare. L’iscrizione è gratuita e la tua retribuzione è basata su criteri meritocratici: i compensi, infatti, sono collegati al numero di utenti che leggono i tuoi contenuti. Più il tuo articolo è letto, più le tue possibilità di guadagno aumentano. Salvis Juribus non è solo una semplice piattaforma online, ma è una Rivista scientifica (ISSN: 2464-9775) che vanta un ampio network di cultori della materia giuridica. La presenza dell’ISSN consente di attribuire ai contributi presenti nella Rivista criteri di scientificità (L. 1/2009). La Rivista è, inoltre, inserita all’interno del portale ROAD patrocinato dall’UNESCO come portale scientifico open access. I contributi possono essere, quindi, presentati per la valutazione nei concorsi pubblici o in ambiente accademico.

Articoli inerenti