Inutile la notifica PEC se la società non ha la firma digitale

Inutile la notifica PEC se la società non ha la firma digitale

Tribunale di Lecce, 16.03.2016

Serve la prova della lettura dell’atto giudiziario allegato alla posta elettronica certificata, visto che la legge non ha previsto l’obbligo per le aziende di munirsi di dispositivi di firma digitale.

Il Tribunale di Lecce ha ritenuto insufficiente la notifica effettuata mediante posta elettronica certificata, per il solo fatto che essa non garantirebbe la prova della effettiva lettura del messaggio da parte del destinatario.

La vicenda nasce a seguito di un ricorso sommario notificato, dall’avvocato del ricorrente, nei confronti di una società tramite la PEC. Senonché, essendo munito l’atto introduttivo di firma digitale, il giudice ha disposto la rinnovazione della notifica, questa volta in formato cartaceo, tramite il tradizionale ufficiale giudiziario.

Infatti, secondo il tribunale leccese, la normativa che impone alle imprese di dotarsi di casella di posta elettronica certificata non le obbliga a munirsi anche di un programma elettronico che consenta l’apertura degli atti firmati digitalmente. Senza tale supporto, l’allegato non può essere letto e la convenuta difendersi in giudizio.

Non basta a superare l’ostacolo il deposito delle due email, inviate dal gestore della PEC, contenenti la certificazione della spedizione della “busta” e della sua successiva consegna al destinatario. E ciò perché esse non danno prova che la convenuta abbia potuto prenderne effettiva visione, se non viene dimostrato che essa sia in possesso di programmi che consentono la lettura degli atti inviati con firma digitale.

Pertanto, in assenza della prova che la società abbia potuto prendere visione dell’atto di citazione, il giudice può ordinare ai sensi dell’art. 1 legge n. 20/1994 il rinnovo della notifica secondo l’ordinario procedimento a mezzo di ufficiale giudiziario.

consulenza legale salvis juribus

Segui la nostra redazione anche su Facebook!

Sei uno Studio Legale, un’impresa o un libero professionista? Sponsorizzati su Salvis Juribus! Scopri le nostre soluzioni pubblicitarie!


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.
Salvis Juribus è la prima piattaforma online di legal social journalism che ti permette di scrivere articoli e guadagnare. L’iscrizione è gratuita e la tua retribuzione è basata su criteri meritocratici: i compensi, infatti, sono collegati al numero di utenti che leggono i tuoi contenuti. Più il tuo articolo è letto, più le tue possibilità di guadagno aumentano. Salvis Juribus non è solo una semplice piattaforma online, ma è una Rivista scientifica (ISSN: 2464-9775) che vanta un ampio network di cultori della materia giuridica. La presenza dell’ISSN consente di attribuire ai contributi presenti nella Rivista criteri di scientificità (L. 1/2009). La Rivista è, inoltre, inserita all’interno del portale ROAD patrocinato dall’UNESCO come portale scientifico open access. I contributi possono essere, quindi, presentati per la valutazione nei concorsi pubblici o in ambiente accademico.

Articoli inerenti