Nuove linee guida in tema di salute e sicurezza durante la pandemia da covid-19

Nuove linee guida in tema di salute e sicurezza durante la pandemia da covid-19

Nuove linee guida internazionali (dicembre 2020), in tema di salute e sicurezza dei dipendenti e delle parti interessate durante la pandemia COVID-19 tese ad integrare linee guida e regolamenti nazionali esistenti.

La nuova ISO/PAS 45005 è stata sviluppata in soli tre mesi grazie al contributo di 26 paesi e fornisce raccomandazioni pratiche alle imprese sulla gestione di eventuali rischi derivanti da COVID-19.

Le nuove linee guida sono applicabili a tutte le organizzazioni comprese quelle che: hanno operato durante la pandemia; stanno riprendendo o prevedono di riprendere le attività a seguito di chiusura totale o parziale; stanno rioccupando luoghi di lavoro che sono stati completamente o parzialmente chiusi; sono nuovi e prevedono di operare per la prima volta.

Forniscono, altresì, anche una guida relativa alla protezione dei lavoratori di tutti i tipi (ad es. lavoratori impiegati dall’organizzazione, lavoratori di fornitori esterni, appaltatori, lavoratori autonomi, lavoratori interinali, lavoratori anziani, lavoratori con disabilità e primi soccorritori) e di altre parti interessate quali, ad esempio, i visitatori di un luogo di lavoro.

Per lavorare in sicurezza ogni impresa dovrebbe:

– valutare tutti i locali, siti o parti di siti, compresi quelli che sono stati chiusi o parzialmente funzionanti; stabilire disposizioni per impedire a persone potenzialmente infettive di entrare nel luogo di lavoro (ad esempio fornendo informazioni prima della visita);

– eseguire controlli e attività di manutenzione su apparecchiature e sistemi;

– valutare e controllare i rischi legati alla legionella e ad altre malattie legate all’acqua, al fine di non introdurre altri rischi per la salute, in particolare se i sistemi ad acqua (compresi alcuni tipi di condizionamento) non sono stati utilizzati per un periodo di tempo o se l’uso è stato ridotto;

– stabilire programmi di pulizia e disinfezione migliori e/o più frequenti (ad esempio aumentando l’orario di lavoro e/o il numero di lavoratori in ruoli di pulizia e incoraggiando altri lavoratori a pulire e disinfettare regolarmente le proprie zone di lavoro e le attrezzature);

– fornire migliori strutture per l’igiene personale, comprese ulteriori stazioni per il lavaggio delle mani ove possibile e punti igienizzanti per le mani dove ciò non è possibile (comprese le aree esterne utilizzate per il lavoro o le pause), garantendo che queste strutture siano accessibili ai lavoratori con disabilità;

– coordinare e cooperare con altre organizzazioni su siti condivisi, inclusi appaltatori, agenti di gestione, proprietari e altri inquilini, assicurando che siano prese in considerazione sia le operazioni di routine che i piani di emergenza.

Inoltre dovrebbe provvedere a:

– pulizia profonda e disinfezione dei luoghi di lavoro e delle attrezzature;

– disinfettare rubinetti, docce e altre fonti d’acqua con prodotti che soddisfano i requisiti ufficiali per l’uso contro COVID-19 e risciacquare prima dell’uso;

– massimizzare la quantità di aria esterna e di ricambio d’aria ambiente attraverso sistemi di ventilazione (con filtrazione e durata di funzionamento adeguate), disattivando i sistemi di ricircolo dell’aria e mantenendo le porte e le finestre aperte per quanto possibile;

– garantire che i servizi igienici siano gestiti per facilitare un uso sicuro;

– riavviare e testare apparecchiature specialistiche inutilizzate più a lungo del normale;

– testare i sistemi di sicurezza antincendio, comprese le unità alimentate a batteria come l’illuminazione di emergenza e gli allarmi;

– mettere in atto segnali e segnaletica sul pavimento e/o sul muro per indicare la distanza fisica raccomandata, assicurandosi che i segni siano semplici, chiari e abbastanza grandi da essere visti da persone con disabilità visive;

– mettere in atto barriere fisiche per imporre il distanziamento fisico per quanto possibile;

– creare zone di lavoro per limitare il numero di persone in ogni area;

– limitare il numero di persone che utilizzano apparecchiature condivise creando gruppi di lavoro o coppie e assegnandole ad apparecchiature condivise designate;

– stabilire punti di pulizia e disinfezione per consentire ai lavoratori di pulire superfici e attrezzature durante l’orario di lavoro;

– riorganizzare attrezzature mobili, scrivanie e postazioni di lavoro per consentire il distanziamento fisico;

– fissare le porte aperte per ridurre il contatto con le maniglie delle porte (escluse le porte necessarie per la sicurezza antincendio, sicurezza o privacy);

– stabilire procedure per l’ingresso e l’uscita in sicurezza dai luoghi di lavoro;

– stabilire tragitti a senso unico in corridoi, scale e altre aree comuni, mettere in atto cartelli e segnaletica sul pavimento o sul muro e intraprendere altre azioni per mitigare i rischi laddove ciò non sia possibile;

– determinare modi sicuri di usare ascensori/ascensori e garantire che le linee guida per un uso sicuro siano comunicate sia all’interno che all’esterno degli ascensori/ascensori;

– fornire ulteriori spazi esterni ai lavoratori da utilizzare per il lavoro di routine, riunioni e pause, ove possibile.

Quanto al cosiddetto “smartworking” l’organizzazione dovrebbe consultarsi con il lavoratore per valutare sistematicamente i rischi legati al lavoro da casa e le azioni necessarie per affrontare i rischi, per quanto possibile, tenendo conto di fattori quali:

– le circostanze domestiche del lavoratore (ad esempio assistenza all’infanzia o altre responsabilità di assistenza, abusi domestici, membri della famiglia considerati a maggior rischio di contrarre COVID-19);

– l’idoneità fisica dell’abitazione (es. dimensioni, altre persone che condividono lo spazio, livelli di rumore, illuminazione adeguata, postazioni ergonomiche);

– se il lavoratore ha accesso a sistemi e informazioni pertinenti (ad esempio posta elettronica, unità elettroniche condivise, database, maggiore sicurezza sui sistemi pertinenti e indicazioni per operare in sicurezza da casa);

– la necessità di un supporto continuo per l’uso di apparecchiature e software IT (ad esempio strumenti per conferenze online);

– la potenziale necessità di consentire ai lavoratori di portare a casa temporaneamente attrezzature che utilizzano al lavoro o di fornire attrezzature aggiuntive (ad esempio computer, monitor di computer, tastiera, mouse, sedia ergonomica, poggiapiedi, lampada, stampante, auricolare);

– la necessità di una guida per la creazione di una postazione di lavoro domestica ergonomicamente adatta (ad esempio, consentendo una buona postura e incoraggiando movimenti frequenti);

– rischi psicosociali;

– impatti sulle assicurazioni personali o sulla casa e sulle passività fiscali.

L’organizzazione dovrebbe, poi, fornire ai lavoratori linee guida su cosa fare se il lavoratore o qualsiasi membro della sua famiglia è esposto o contrae il COVID-19 ed è tenuto all’autoisolamento.

L’ente deve informare i lavoratori e le altre parti interessate in merito a: misure e controlli generali di sicurezza; modalità di lavoro richieste, tenendo conto delle esigenze dei singoli e dei gruppi di lavoratori; cosa ci si aspetta da loro; cosa possono aspettarsi dall’organizzazione; come segnalare dubbi o incidenti di sicurezza.

In conclusione si sottolinea l’importanza della ISO/PAS 45005 poiché risulta applicabile a tutte le imprese/enti/organizzazioni indipendentemente dalla natura dell’attività, dalla fornitura di servizi, dalle dimensioni o dalla complessità.


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
***
Metti una stella e seguici anche su Google News
The following two tabs change content below.
https://www.linkedin.com/in/chiara-spagnolo-2316a946/ https://www.facebook.com/AvvocatoChiaraSpagnolo/ https://www.instagram.com/avvocatochiaraspagnolo/?hl=it SITO WEB www.avvocatochiaraspagnolo.it

Articoli inerenti

Due gravi problemi globali: i matrimoni precoci e forzati tra minori e le baby spose

Due gravi problemi globali: i matrimoni precoci e forzati tra minori e le baby spose

Un problema globale che colpisce milioni di ragazze e donne in tutto il mondo sono i cosiddetti matrimoni precoci e forzati.  La questione dei...