Social network: i post possono provare lo stress

Social network: i post possono provare lo stress

United States District Court for the District of Oregon, Robinson v. Jones Lang LaSalle Americas, Inc., 29.8.12

I giudici hanno affermato che le attività svolte dagli utenti su Facebook, Linkedin e MySpace possono essere prodotti in giudizio per dimostrare lo stato emozionale e lo stress patito dall’attore in una causa per discriminazione.

A parere dei giudici, le comunicazioni effettuate attraverso gli “online social media”, compresi i profili, la pubblicazione di post, messaggi, gli aggiornamenti degli status, i commenti sulle bacheche che “nell’insieme provocano dei flussi di attività di gruppo quali applicazioni, blog, fotografie, clip multimediali, come comunicazioni di terze parti che consentono di contestualizzare le comunicazioni della parte“.

consulenza_per_privati_e_aziende          consulenza_per_avvocati

Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Ideatore, Coordinatore e Capo redazione Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it

Articoli inerenti