Ergastolo ostativo e mancata concessione della liberazione condizionale

Ergastolo ostativo e mancata concessione della liberazione condizionale

La  I Sezione penale  della Corte Suprema di Cassazione, con ordinanza  depositata in cancelleria il 18 giugno 2020 n. 18518, ha dichiarato rilevante e non manifestamente infondata, in relazione agli artt. 3, 27 e 117 della Costituzione, la questione di legittimità costituzionale degli artt. 4-bis comma 1 e 58-ter della legge n. 354 del 1975, e dell’art. 2 d.l. n.152 del 1991, convertito con modificazioni nella legge n. 203 del 1991, nella parte in cui escludono che il condannato all’ergastolo, per delitti commessi avvalendosi delle condizioni di cui all’art. 416-bis cod.pen. ovvero al fine di agevolare l’attività delle associazioni in esso  previste, che non abbia collaborato con la giustizia non possa essere ammesso al godimento del beneficio della liberazione condizionale di cui all’ art. 176 c.p.

L’ordinanza della Suprema Corte si pone nel solco delle indicazioni dettate dalla giurisprudenza sovranazionale, contenute nella sentenza della Corte Edu Viola contro Italia, decisione divenuta definitiva il 7 ottobre 2019. Secondo tale arresto giurisprudenziale  la mancanza di collaborazione non può assurgere ad inattaccabile indice di presunzione assoluta di pericolosità sociale., escludendo, pertanto, che i soggetti non collaboranti  non possano usufruire del beneficio dei permessi premio.

Recentemente, la Corte Costituzionale aveva rilevato l’esistenza di un contrasto con gli articoli 3 e 27 della Costituzione  dell’ art. 4 bis  l. n.  354/1975, nella parte in cui esclude  che il condannato alla pena dell’ ergastolo ostativo, che non abbia collaborato, possa essere ammesso alla fruizione dei permessi premio.

L’ ordinanza di rimessione della Cassazione  solleva nuovamente dubbi  circa la  tenuta costituzionale dell’ impianto normativo italiano disciplinante la lotta alle organizzazione criminali di stampo mafioso. È lecito chiedersi se si stia assistendo ad un lento e progressivo  sgretolamento del sistema sanzionatorio del “doppio binario”, sistema che aveva garantito straordinari risultati in termini  di collaborazioni dei soggetti appartenenti a sodalizi mafiosi con la giustizia, favorendo con efficacia l ‘ azione repressiva e anche preventiva dello Stato.

consulenza_per_privati_e_aziende          consulenza_per_avvocati

Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Ideatore, Coordinatore e Capo redazione Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.

Nicolo Antonino Triolo

Latest posts by Nicolo Antonino Triolo (see all)

Articoli inerenti