Le cinque chiavi della mediazione

Le cinque chiavi della mediazione

E’ molto difficile – perfino impossibile- aprire una porta chiusa ma se hai la chiave, la metti nella serratura, la fai girare, la porta si apre.

A volte quando gli amici litigano sono come le porte chiuse. Se si possiede la chiave ai loro pensieri, possono essere aiutati a risolvere i loro problemi.

La prima chiave: Non giudicare. I mediatori sono imparziali anche quando pensano che una delle parti abbia ragione e l’altra torto.

La seconda chiave: Non dare consigli. A volte i mediatori possono avere delle idee per risolvere il conflitto ma non devono suggerirle alle due parti coinvolte; è il loro conflitto e devono risolverlo da soli a modo loro. Solo allora si sentiranno veramente responsabili.

La terza chiave: Dimostrarsi equamente empatico. Il mediatore empatico cerca di capire come si sentono entrambe le persone coinvolte. Cerca di mettersi nei loro panni e di capire la situazione da tutte e due le prospettive, evitando di favorire una parte. i sentono entrambe le persone coinvolte. Cerca di mettersi nei loro panni e di capire la situazione da tutte e due le prospettive, evitando di favorire una parte. Dimostrarsi equamente empatico. Il mediatore empatico cerca di capire come si sentono entrambe le persone coinvolte. Cerca di mettersi nei loro panni e di capire la situazione da tutte e due le prospettive, evitando di favorire una parte.

La quarta chiave: Mantenere la riservatezza. Le persone si sentono più a loro agio quando parlano dei loro sentimenti e problemi perché sanno, come da codice deontologico, che i mediatori non ne parleranno con nessuno.

La quinta chiave: Mostrare interesse. I mediatori devono considerare il processo di mediazione e le persone. Devono fare del loro meglio per mettere d’accordo le parti coinvolte e risolvere i loro conflitti. Se i mediatori rispettano il processo di mediazione, le parti confideranno nel fatto che questo li aiuterà a risolvere i loro conflitti.

La mediazione può:

– Aiutare a risolvere i problemi prima che questi diventino seri;
Mostrare alle parti che possono risolvere le loro questioni da soli;
Migliorare il clima
Ridurre la tensione

Cosa non è un mediatore.

Un mediatore non agisce nei seguenti modi:

Come consulente/consigliere;
Come giudice;
Come avvocato;
Come dispensatore di consigli.


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.

Articoli inerenti