L’Onu critica duramente il decreto Sicurezza bis di Salvini: ecco il documento integrale

L’Onu critica duramente il decreto Sicurezza bis di Salvini: ecco il documento integrale

Scarica il rapporto integrale cliccando qui

È notizia di questi ultimi giorni che l’Alto Commissariato dell’Onu per i diritti umani ha criticato duramente il ministro dell’Interno per asserite violazioni dei diritti fondamentali dei migranti nonché delle norme internazionali sui salvataggi in mare.

Il documento usa parole molto forti. Si parla di una «criminalizzazione delle organizzazioni della società civile impegnate nelle attività di ricerca e salvataggio» in mare.

«Siamo molto preoccupati – si legge nel rapporto – dall’approccio del ministero dell’Interno contro la nave Mare Ionio (vascello della Ong italiana Mediterranea, ndr) attraverso queste due direttive, che non sono basate su nessuna decisione di autorità giudiziarie. Riteniamo che si tratti ancora una volta di un tentativo politico di criminalizzazione delle operazioni di salvataggio compiute nel Mediterraneo centrale dalle organizzazioni della società civile».

L’azione di Salvini favorirebbe addirittura «il clima di ostilità e xenofobia contro i migranti».

Stando a quanto scritto nel rapporto, sarebbe «ampiamente documentata la violazione dei diritti umani per i migranti in Libia, dove sono soggetti a traffico di esseri umani, detenzione arbitraria, tortura e maltrattamenti, violenze sessuali, esecuzioni extragiudiziarie, lavoro forzato e estorsioni». Pertanto, la Libia non potrebbe essere considerata un porto sicuro per lo sbarco dei migranti salvati in mare e, a al riguardo, si invoca il principio di non respingimento previsto dalle convenzioni internazionali sui diritti dell’uomo.

Il rapporto si chiude chiedendo al ministro degli Esteri di «indicare quali passi intenda compiere il governo italiano per allineare le politiche migratorie con gli obblighi sul rispetto dei diritti umani».

consulenza_per_privati_e_aziende          consulenza_per_avvocati

Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Ideatore, Coordinatore e Capo redazione Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.
Salvis Juribus è la prima piattaforma online di legal social journalism che ti permette di scrivere articoli e guadagnare. L’iscrizione è gratuita e la tua retribuzione è basata su criteri meritocratici: i compensi, infatti, sono collegati al numero di utenti che leggono i tuoi contenuti. Più il tuo articolo è letto, più le tue possibilità di guadagno aumentano. Salvis Juribus non è solo una semplice piattaforma online, ma è una Rivista scientifica (ISSN: 2464-9775) che vanta un ampio network di cultori della materia giuridica. La presenza dell’ISSN consente di attribuire ai contributi presenti nella Rivista criteri di scientificità (L. 1/2009). La Rivista è, inoltre, inserita all’interno del portale ROAD patrocinato dall’UNESCO come portale scientifico open access. I contributi possono essere, quindi, presentati per la valutazione nei concorsi pubblici o in ambiente accademico.

Articoli inerenti