Sempre più precari i trasferimenti immobiliari gratuiti avverso le contestazioni creditorie

Sempre più precari i trasferimenti immobiliari gratuiti avverso le contestazioni creditorie

Tribunale di Milano, dott. Guido Macripò, 1 giugno 2015

a cura di Noemi Francesca Barbagallo

Azione revocatoria ammissibile contro la cessione dell’immobile all’ex moglie, a seguito di separazione consensuale, per evitare il pignoramento.

Con la sentenza dell’1 giugno 2015, il Tribunale di Milano ha confermato la revocabilità del trasferimento dell’immobile effettuato in favore dell’ex moglie in sede di separazione consensuale.

Diviene dunque precario l’accordo tra i due coniugi che, all’esito di una separazione consensuale, tentano di far passare il trasferimento della casa, dall’uno all’altro coniuge, come una misura assistenziale di mantenimento quando, invece, lo scopo effettivo è di sottrarre il bene al pignoramento dei creditori. L’atto di trasferimento immobiliare operato in esecuzione di una separazione consensuale tra coniugi – si legge nella sentenza in commento – può essere revocato se lede i diritti dei creditori.

Per approfondimenti: L’azione revocatoria. Orientamenti, annotazioni processuali e formule per gli adempimenti dell’avvocato

In forza di tale principio, il tribunale ha revocato il trasferimento di un appartamento che un uomo aveva disposto in favore dell’ex moglie in esecuzione di un accordo di separazione consensuale, tra i due siglato e fatto omologare dal tribunale. Nella fattispecie, l’accordo è sembrato, al tribunale, un vero e proprio espediente per evitare il pignoramento e far sì che i creditori rimanessero insoddisfatti. Sul punto si ricorda come anche la Corte di Cassazione ha chiarito che l’azione revocatoria di un atto a titolo gratuito può essere facilmente revocata se viene fornita la prova dell’intento, da parte del debitore, di arrecare un danno al creditore mediante l’atto di trasferimento: danno consistente nella semplice diminuzione del proprio patrimonio. In altre parole, per il creditore è sufficiente dimostrare che, all’esito della cessione dell’immobile, i beni da pignorare sono ridotti notevolmente, rendendo impossibile il recupero del credito.

Per una lettura interessante: L’arte della guerra Copertina flessibile – 5 giu 2013

Nel caso di trasferimento a titolo oneroso, invece, è sufficiente che il debitore alienante e il terzo acquirente (la moglie) siano a conoscenza della diminuzione della garanzia per la riduzione della consistenza patrimoniale del primo; non è necessario che vi sia una collusione tra di essi, né occorre che il terzo (la moglie) sia a conoscenza del debito del marito. Per cui, nella fattispecie in esame, non è necessaria la prova della conoscenza da parte della ex moglie dello specifico credito vantato dal soggetto che chiede la revocatoria.


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.

Noemi Francesca Barbagallo

L'avvocato Noemi Francesca Barbagallo è nata ad Augusta l'1 marzo 1981. Diplomata con 100/100 in studi classici, si è poi laureata in Giurisprudenza presso l'Università di Catania nel 2004 con 110/110 e lode con tesi di laurea in Diritto Civile. Dopo la laurea ha intrapreso la pratica forense con specializzazione in diritto civile e ha svolto uno stage presso l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in Roma. Nel 2007 si è abilitata all'esercizio della professione forense ed è iscritta all'Albo degli Avvocati di Catania. Continua a svolgere la professione forense, con una presenza costante nelle Aule di Tribunale, ricoprendo anche incarichi di curatele fallimentari e procedure di vendita delegata. Ha collaborato inoltre con importanti Gruppi societari.

Articoli inerenti