GARA PUBBLICA: il ricorrente deve provare che sarebbe riuscito a collocarsi al primo posto

GARA PUBBLICA: il ricorrente deve provare che sarebbe riuscito a collocarsi al primo posto

T.A.R. Campania, Salerno, Sez. II, Pres. Riccio – Rel. Sabbato, 14 aprile 2015, n. 813

In caso di impugnazione degli atti di una gara pubblica, il ricorrente deve dimostrare di avere un interesse effettivo e concreto, provando in particolare che, in caso di legittima celebrazione della gara, egli sarebbe riuscito a collocarsi al primo posto nella graduatoria finale. Ne consegue che in mancanza di un indice di lesività specifico, e concreto, non può ammettersi un annullamento della procedura al fine strumentale di una rinnovazione della gara.

Il fatto

Una società impugnava il provvedimento con il quale il Comune aggiudicava in via definitiva, in favore di altra società, i lavori di messa in sicurezza (adeguamento statico e funzionale) di un edificio comunale.

La società ricorrente impugnava, altresì, i verbali di gara nella parte in cui assegnavano ad altra ditta la seconda posizione in graduatoria.

Più precisamente, l’impresa ricorrente si collocava, al termine della gara, al terzo posto in graduatoria, con il punteggio di 53,59, dopo la ditta risultata aggiudicataria con il punteggio di 82,40 e la ditta seconda classificata (con punti 69,18).

La decisione

L’adito Giudice Amministrativo, avuto riguardo alla posizione conseguita dalla società ricorrente, ha ritenuto meritevole di essere esaminata con precedenza rispetto alle altre la censura di cui al secondo motivo di gravame, con la quale veniva denunciata la illegittima partecipazione alla gara della ditta seconda classificata.

Invero, in caso di impugnazione degli atti di una gara pubblica, il ricorrente deve dimostrare di avere un interesse effettivo e concreto, provando in particolare che, in caso di legittima celebrazione della gara, egli sarebbe riuscito a collocarsi al primo posto nella graduatoria finale: l’eventuale violazione della procedura censurabile in giudizio deve quindi concretarsi in una lesione effettiva della posizione del ricorrente stesso, per cui, in mancanza di un “indice di lesività” specifico e concreto, non può ammettersi un annullamento della procedura al fine strumentale di una rinnovazione della gara.

Tale principio, avuto riguardo alla vicenda oggetto del suo giudizio, ha comportato – secondo il Tribunale – che l’azionato interesse all’aggiudicazione rispetto alla posizione conseguita in graduatoria postula la fondatezza, in primo luogo, della censura rivolta alla seconda graduata risultando solo in caso affermativo contestabile l’aggiudicazione definitiva in favore della prima graduata.

CONFORME: Cons. di Stato, Sez. III, 5 febbraio 2014, n. 571.


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.

Avv. Giacomo Romano

Ideatore e Coordinatore at Salvis Juribus
Nato a Napoli nel 1989, ha conseguito la laurea in giurisprudenza nell’ottobre 2012 con pieni voti e lode, presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, discutendo una tesi in diritto amministrativo dal titolo "Le c.d. clausole esorbitanti nell’esecuzione dell’appalto di opere pubbliche", relatore Prof. Fiorenzo Liguori. Nel luglio 2014 ha conseguito il diploma presso la Scuola di specializzazione per le professioni legali dell'Università degli Studi di Napoli Federico II. Subito dopo, ha collaborato per un anno con l’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Napoli occupandosi, prevalentemente, del contenzioso amministrativo. Nell’anno successivo, ha collaborato con uno studio legale napoletano operante nel settore amministrativo. Successivamente, si è occupato del contenzioso bancario e amministrativo presso studi legali con sede in Napoli e Verona. La passione per l’editoria gli ha permesso di intrattenere una collaborazione professionale con una nota casa editrice italiana. È autore di innumerevoli pubblicazioni sulla rivista “Gazzetta Forense” con la quale collabora assiduamente da giugno 2013. Ad oggi, intrattiene collaborazioni professionali con svariate riviste di settore e studi professionali. È titolare di “Salvis Juribus Law Firm”, studio legale presso cui, insieme ai suoi collaboratori, svolge quotidianamente l’attività professionale avendo modo di occuparsi, in particolare, di problematiche giuridiche relative ai Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici ed Appalti.

Articoli inerenti