L’equa riparazione spetta anche se il giudice adito era incompetente

L’equa riparazione spetta anche se il giudice adito era incompetente

Cass. Civ., sez. VI, 5 gennaio 2016, n. 47

Il diritto all’equa riparazione spetta anche se il giudice adito era incompetente a decidere. Il diritto è indipendente sia dalla vittoria o dalla soccombenza, che dalla consistenza economica o dall’importanza sociale della vicenda.

Nel caso di specie, in particolare, il danno da illegittima durata del processo era lamentato da un medico che, dopo essersi rivolto al T.a.r. per veder tutelato il suo diritto a partecipare al concorso pubblico per la nomina da primario, aveva dovuto attendere ben nove anni prima che il tribunale amministrativo fissasse la prima udienza.

Il ricorso fu, poi, dichiarato inammissibile un anno dopo la discussione per difetto di giurisdizione del giudice amministrativo, ma il sanitario deve essere risarcito comunque!

Secondo la Corte di cassazione, infatti, il diritto all’equa riparazione previsto dalla legge Pinto del 2001 spetta a tutte le parti del processo ed è indipendente sia dal fatto che esse siano risultate vittoriose o soccombenti, sia dalla consistenza economica o dall’importanza sociale della vicenda.

I giudici hanno peraltro precisato che il danno non patrimoniale è una conseguenza di certo non automatica, ma normale della violazione del diritto alla ragionevole durata del processo.

Esso, di conseguenza, deve essere ritenuto sussistente anche solo in ragione dell’oggettivo riscontro di detta violazione, senza che vi sia bisogno una prova specifica.

Segui la nostra redazione anche su Facebook!

Sei uno Studio Legale, un’impresa o un libero professionista? Sponsorizzati su Salvis Juribus! Scopri le nostre soluzioni pubblicitarie!

         

Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Ideatore, Coordinatore e Capo redazione Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.
Salvis Juribus è la prima piattaforma online di legal social journalism che ti permette di scrivere articoli e guadagnare. L’iscrizione è gratuita e la tua retribuzione è basata su criteri meritocratici: i compensi, infatti, sono collegati al numero di utenti che leggono i tuoi contenuti. Più il tuo articolo è letto, più le tue possibilità di guadagno aumentano. Salvis Juribus non è solo una semplice piattaforma online, ma è una Rivista scientifica (ISSN: 2464-9775) che vanta un ampio network di cultori della materia giuridica. La presenza dell’ISSN consente di attribuire ai contributi presenti nella Rivista criteri di scientificità (L. 1/2009). La Rivista è, inoltre, inserita all’interno del portale ROAD patrocinato dall’UNESCO come portale scientifico open access. I contributi possono essere, quindi, presentati per la valutazione nei concorsi pubblici o in ambiente accademico.

Articoli inerenti