Nuove regole Covid: cade la quarantena per i vaccinati con dose “booster”

Nuove regole Covid: cade la quarantena per i vaccinati con dose “booster”

La recrudescenza dei casi Covid – ben 144.243 quelli registrati dall’ultimo report del Ministero della Salute – ha portato il Governo a riconsiderare alcune delle regole applicabili ai soggetti vaccinati che abbiano avuto “contatti stretti” con soggetti positivi, al fine di porre un argine al rischio di paralisi del sistema.

Sul punto, si segnala l’entrata in vigore del d.l. 30 dicembre 2021 n. 229, con il quale l’esecutivo ha, di fatto, inteso regolare in modo diverso le posizioni dei soggetti vaccinati.

Le novità involgono, in particolare, i soggetti vaccinati con dose “booster” o che abbiano completato il ciclo vaccinale primario entro i 120 giorni precedenti ad un “contatto stretto” con un soggetto positivo. Contrariamente all’impianto normativo precedente, infatti, l’art. 2 del decreto in esame prevede in favore di questi ultimi la possibilità di continuare a permanere in una condizione di “normalità sociale”, salvo l’obbligo di indossare la mascherina FFP2 per un periodo di 10 giorni dall’ultimo “contatto stretto” con un positivo. Pertanto, è caduto per questi soggetti l’obbligo della quarantena precauzionale precedentemente fissata in 7 giorni (decorrenti dall’ultimo “contatto stretto” con il positivo) e condizionata per la sua cessazione, dall’effettuazione con esito negativo di un test molecolare o  antigenico rapido.

Resta fermo in ogni caso, ai sensi dell’articolo in parola, anche per tali soggetti l’obbligo di effettuare un tampone (con le modalità sopra descritte): decorsi i 10 giorni del periodo di auto-sorveglianza; o, solo nel caso in cui siano riscontrati dei sintomi, al quinto giorno successivo all’ultima esposizione al caso positivo. In entrambe le ipotesi, la cessazione del periodo di auto-sorveglianza o di quarantena è subordinata alla trasmissione all’Asl competente del referto a esito negativo.

Per contro, a differenza di quanto è stato pronosticato nei giorni precedenti dalle maggiori testate giornalistiche, nessuna novità si appunta in ordine alla posizione dei soggetti che abbiano concluso il proprio ciclo vaccinale primario da oltre 120 giorni. Questi ultimi, nell’ipotesi di un “contatto stretto” con un positivo, dovranno continuare ad osservare un periodo di quarantena obbligatoria di 7 giorni dall’ultima esposizione, prima di sottoporsi al relativo test di verifica.

Da ultimo, rimane invariato il quadro anche per i non vaccinati, i quali, in caso di un “contatto stretto” con un positivo, dovranno obbligatoriamente permanere in quarantena per 10 giorni prima di sottoporsi al tampone di controllo, ovvero per 14 giorni qualora non intendano effettuare alcun test.


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
***
Metti una stella e seguici anche su Google News
The following two tabs change content below.

Gabriele Monforte

Nel 2016 ha conseguito la laurea magistrale in Giurisprudenza presso l'università di Bologna con votazione 110/110 e lode discutendo una tesi in diritto penale dal titolo "La discrezionalità dell'organo giudicante nelle cause di estinzione del reato" . Nel 2018: si è specializzato in professioni legali presso il medesimo ateneo discutendo una tesi in diritto penale dal titolo "Il concorso esterno in associazione mafiosa: dall'ermeneutica giurisprudenziale interna al vaglio di legalità della Corte Edu. Il caso Contrada e le possibili ricadute sui fratelli minori"; ha conseguito l'abilitazione all'esercizio della professione forense presso la Corte d'appello di Bologna.

Articoli inerenti