Si può impugnare il permesso di costruire di un’abitazione confinante

Si può impugnare il permesso di costruire di un’abitazione confinante

Tar Milano, 4 maggio 2015, n. 1081

Alcuni comproprietari di una civile abitazione, trovandosi a confine con un immobile interessato da un intervento edilizio di ristrutturazione e di recupero del sottotetto (assentito con apposito permesso di costruire) lo impugnano, sostenendo che numerosi sarebbero i vizi per i quali meriterebbe l’annullamento; nello specifico:

a) l’amministrazione avrebbe permesso il recupero di un sottotetto prima inesistente;

b) avrebbe permesso un aumento volumetrico;

c) il progetto avrebbe determinato un aumento del “peso insediativo” in assenza di una sorta di compensazione con dotazioni o monetizzazione;

d) il progetto avrebbe infine violato le distanze tra abitazioni, oltre che le altezze previste per il sottotetto.

Il nuovo permesso di costruire dopo il «Decreto Sblocca Italia». Con CD-ROM Copertina flessibile – 1 mar 2015 di Mario Di Nicola 

Il Tribunale ha affermato che affinché il ricorrente si possa ritenere legittimato ad agire in giudizio occorrerà che i pregiudizi da lui lamentati superino il semplice dato della “vicinanza” tra manufatti.

In altri termini: il giudice cercherà e selezionerà solo la posizione giuridica protetta dall’Ordinamento, non tutte le possibili posizioni di chi astrattamente potrebbe ricorrere.

 

Impostato così il problema, ne conseguirà che la legittimazione potrà aversi in tutti i casi nei quali la modifica del preesistente assetto edilizio debba ritenersi “icto oculi”, cioè sia di tale evidenza da pregiudicare visibilmente il paesaggio, l’urbanistica e così via.


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.
Salvis Juribus è la prima piattaforma online di legal social journalism che ti permette di scrivere articoli e guadagnare. L’iscrizione è gratuita e la tua retribuzione è basata su criteri meritocratici: i compensi, infatti, sono collegati al numero di utenti che leggono i tuoi contenuti. Più il tuo articolo è letto, più le tue possibilità di guadagno aumentano. Salvis Juribus non è solo una semplice piattaforma online, ma è una Rivista scientifica (ISSN: 2464-9775) che vanta un ampio network di cultori della materia giuridica. La presenza dell’ISSN consente di attribuire ai contributi presenti nella Rivista criteri di scientificità (L. 1/2009). La Rivista è, inoltre, inserita all’interno del portale ROAD patrocinato dall’UNESCO come portale scientifico open access. I contributi possono essere, quindi, presentati per la valutazione nei concorsi pubblici o in ambiente accademico.

Articoli inerenti