Ricorso 800 Assistenti Giudiziari: il Consiglio di Stato dispone l’ammissione alla prova scritta

Ricorso 800 Assistenti Giudiziari: il Consiglio di Stato dispone l’ammissione alla prova scritta

Abbiamo subito sostenuto che la prova preselettiva del concorso pubblico per l’assunzione di 800 assistenti giudiziari fosse stata caratterizzata da gravi illegittimità. Come ricorderete, avevamo tempestivamente contestato lo sbarramento numerico deciso dall’Amministrazione pubblica per l’accesso alla fase scritta del concorso, illegittimamente riservato solo ai candidati collocati tra i primi 3200 posti.

Il risultato di tale arbitrario meccanismo è stato un drastico restringimento della platea dei candidati. Solo coloro che hanno ottenuto un punteggio di 50/50mi hanno, infatti, superato la prova preselettiva.

Lo Studio ha, pertanto, agito dinanzi al TAR Lazio – Roma per fare chiarezza sul punto ed ottenere, nelle more della decisione finale, l’ammissione alla prova scritta per tutti i candidati che avevano totalizzato un punteggio pari o superiore a 37,5/50mi non trovando, tuttavia, l’appoggio dei giudici di primo grado.

Nonostante l’ostinata chiusura manifestata del predetto T.A.R., le tesi difensive hanno trovato più ampio conforto presso gli autorevoli giudici d’appello i quali, qualche giorno fa, hanno con forza contraddetto quanto affermato – in maniera forse troppo frettolosa – dai giudici di primo grado.

L’appello proposto da alcuni ricorrenti – giustamente insoddisfatti del provvedimento del primo giudice – è stato, pertanto, accolto con conseguente “ammissione con riserva degli appellanti alle ulteriori fasi del concorso in questione anche attraverso, se necessario, una sessione di recupero”. Come già analizzato, infatti, in precedenti articoli, l’approccio manifestato dai giudici del T.A.R. Lazio – Roma nella fase cautelare è apparso subito superficiale e poco rispettoso delle norme tanto che, anche a parere della Rivista, il primo provvedimento cautelare è stato definito “abnorme”.

La decisione del Consiglio di Stato conferma quanto da noi sostenuto fin dall’inizio in relazione all’illegittimo meccanismo di “selezione” predisposto dal Ministero della Giustizia e rappresenta un chiaro messaggio per l’Amministrazione sulle modalità da adottare per garantire una selezione giusta e priva di errori. Lo Studio – sicuro della bontà dei motivi di ricorso ampiamente sviluppati – sta ora valutando il da farsi per consentire ai nostri ricorrenti di essere ammessi alla prova successiva.

►Per rimanere aggiornato sulle novità clicca Mi piace sulla nostra pagina Facebook


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Direttore responsabile Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.

Avv. Giacomo Romano

Ideatore e Coordinatore at Salvis Juribus
Nato a Napoli nel 1989, ha conseguito la laurea in giurisprudenza nell’ottobre 2012 con pieni voti e lode, presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, discutendo una tesi in diritto amministrativo dal titolo "Le c.d. clausole esorbitanti nell’esecuzione dell’appalto di opere pubbliche", relatore Prof. Fiorenzo Liguori. Nel luglio 2014 ha conseguito il diploma presso la Scuola di specializzazione per le professioni legali dell'Università degli Studi di Napoli Federico II. Subito dopo, ha collaborato per un anno con l’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Napoli occupandosi, prevalentemente, del contenzioso amministrativo. Nell’anno successivo, ha collaborato con uno studio legale napoletano operante nel settore amministrativo. Successivamente, si è occupato del contenzioso bancario e amministrativo presso studi legali con sede in Napoli e Verona. La passione per l’editoria gli ha permesso di intrattenere una collaborazione professionale con una nota casa editrice italiana. È autore di innumerevoli pubblicazioni sulla rivista “Gazzetta Forense” con la quale collabora assiduamente da giugno 2013. Ad oggi, intrattiene collaborazioni professionali con svariate riviste di settore e studi professionali. È titolare di “Salvis Juribus Law Firm”, studio legale presso cui, insieme ai suoi collaboratori, svolge quotidianamente l’attività professionale avendo modo di occuparsi, in particolare, di problematiche giuridiche relative ai Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici ed Appalti.

Articoli inerenti