Rassegna di giurisprudenza sul danno da ritardo

Rassegna di giurisprudenza sul danno da ritardo

 Rassegna monotematica di giurisprudenza

di Maria Laura Maddalena

(Aggiornata ad aprile 2014)

Il punto sul danno da ritardo (scarica)

Sommario: 1. La disciplina del danno da ritardo: dalla l. 18 giugno 2009, n. 69 al codice del processo amministrativo. 2. Le prime aperture della giurisprudenza amministrativa sul danno da ritardo mero. 3. Lo stato attuale della giurisprudenza. 3.1. La risarcibilità del danno da ritardo mero: un principio solo in parte acquisito dalla giurisprudenza. 3.2. L’onere della prova e la possibilità di ricorrere alla liquidazione equitativa. 3.3. Recenti orientamenti sulla possibilità di trattare la domanda risarcitoria in camera di consiglio, congiuntamente alla domanda di cui all’art. 117 c.p.a. 3.4. La determinazione dei danni risarcibili.

Per ulteriori approfondimenti: Il danno da ritardo Copertina flessibile – 31 lug 2012


Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Ideatore e Coordinatore Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.
Salvis Juribus è la prima piattaforma online di legal social journalism che ti permette di scrivere articoli e guadagnare. L’iscrizione è gratuita e la tua retribuzione è basata su criteri meritocratici: i compensi, infatti, sono collegati al numero di utenti che leggono i tuoi contenuti. Più il tuo articolo è letto, più le tue possibilità di guadagno aumentano. Salvis Juribus non è solo una semplice piattaforma online, ma è una Rivista scientifica (ISSN: 2464-9775) che vanta un ampio network di cultori della materia giuridica. La presenza dell’ISSN consente di attribuire ai contributi presenti nella Rivista criteri di scientificità (L. 1/2009). La Rivista è, inoltre, inserita all’interno del portale ROAD patrocinato dall’UNESCO come portale scientifico open access. I contributi possono essere, quindi, presentati per la valutazione nei concorsi pubblici o in ambiente accademico.

Articoli inerenti