Concorso Volontari Vigili del Fuoco: stabilizzazione illegittima, pronto il ricorso al TAR

Concorso Volontari Vigili del Fuoco: stabilizzazione illegittima, pronto il ricorso al TAR

Il Ministero dell’Interno, con il D.M. n. 238 del 14.11.2018, ha indetto una procedura speciale di reclutamento riservata al personale volontario del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

L’Amministrazione intende procedere ad una stabilizzazione delle migliaia di volontari che ogni giorno prestano servizio nel Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco.

Tuttavia, i requisiti richiesti per accedere al Concorso risultano particolarmente selettivi ed, ad avviso di questo Studio, assolutamente illegittimi e discriminatori:

  • iscrizione da almeno 3 anni, alla data del 1° gennaio 2018, negli apposti elenchi dei volontari del C.N.VV.F di cui all’articolo 6, comma 1, del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139;

  • aver prestato, alla data del 1° gennaio 2018, i seguenti giorni minimi di servizio in qualità di volontario del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco: a) almeno 120 giorni, per i volontari di età inferiore a 40 anni; b) almeno 250 giorni se uomini e 150 giorni se donne, per i volontari di età compresa tra 40 e 45 anni compiuti, con minimo un richiamo di 14 giorni negli ultimi 4 anni; c) almeno 400 giorni se uomini e 200 giorni se donne, per i volontari di età superiore a 46 anni compiuti, con minimo due richiami di 14 giorni nell’ultimo quadriennio.

Lo Studio ritiene che la previsione di un elevato numero di giorni di servizio sia assolutamente illegittima poiché, per motivi non dipendenti dalla propria volontà, molti volontari dei VVFF regolarmente iscritti nell’elenco volontari anche da più di tre anni non sono in possesso dei giorni di servizio richiesti.

Tale previsione finisce, quindi, col discriminare tutti quei volontari che lavorano in Regioni dove c’è poca richiesta e che, per tale ragione, si ritrovano un numero di giorni di servizio inferiore.

Inoltre il meccanismo indicato dal bando, che stabilisce un aumento dei giorni di servizio in comparazione con l’età, appare illogico ed eccessivamente pregiudizievole.

Per tale motivo, Salvis Juribus Law Firm sta predisponendo un ricorso collettivo al T.A.R. rivolto a tutti coloro che:

  • sono iscritti negli appositi elenchi del C.N.V.V.F. da meno di tre anni;

  • sono iscritti negli appositi elenchi del C.N.V.V.F. da almeno tre anni ma non sono in possesso dei giorni di servizio richiesti.

Come aderire alla campagna

Aderire alla nostra azione collettiva è semplicissimo. Basta inviare la documentazione (scaricabile in fondo alla pagina) debitamente scansionata e comprensiva degli allegati all’indirizzo e-mail info@salvisjuribus.it scrivendo nell’oggetto del messaggio “Stabilizzazione Volontari VVFF 2018”. Contatta il nostro Staff per ricevere gratuitamente qualsiasi tipo di informazione al riguardo.

***

Adesioni entro il 20 dicembre 2018

Scarica i moduli di adesione al ricorso cliccando qui

consulenza_per_privati_e_aziende          consulenza_per_avvocati

Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Ideatore, Coordinatore e Capo redazione Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.

Avv. Giacomo Romano

Ideatore, coordinatore e capo redazione at Salvis Juribus
Nato a Napoli nel 1989, ha conseguito la laurea in giurisprudenza nell’ottobre 2012 con pieni voti e lode, presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, discutendo una tesi in diritto amministrativo dal titolo "Le c.d. clausole esorbitanti nell’esecuzione dell’appalto di opere pubbliche", relatore Prof. Fiorenzo Liguori. Nel luglio 2014 ha conseguito il diploma presso la Scuola di specializzazione per le professioni legali dell'Università degli Studi di Napoli Federico II. Subito dopo, ha collaborato per un anno con l’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Napoli occupandosi, prevalentemente, del contenzioso amministrativo. Nell’anno successivo, ha collaborato con uno studio legale napoletano operante nel settore amministrativo. Successivamente, si è occupato del contenzioso bancario e amministrativo presso studi legali con sede in Napoli e Verona. La passione per l’editoria gli ha permesso di intrattenere una collaborazione professionale con una nota casa editrice italiana. È autore di innumerevoli pubblicazioni sulla rivista “Gazzetta Forense” con la quale collabora assiduamente da giugno 2013. Ad oggi, intrattiene collaborazioni professionali con svariate riviste di settore e studi professionali. È titolare di “Salvis Juribus Law Firm”, studio legale presso cui, insieme ai suoi collaboratori, svolge quotidianamente l’attività professionale avendo modo di occuparsi, in particolare, di problematiche giuridiche relative ai Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici ed Appalti.

Articoli inerenti