Contrattualistica pubblica: novità presenti nella legge europea 2020

Contrattualistica pubblica: novità presenti nella legge europea 2020

Relativamente allo Schema di Disegno di Legge recante disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Unione Europea – Legge Europea 2019, sussistono delle sostanziali modifiche al c.d. “Codice degli Appalti” nei termini di subappalto ed irregolarità contributive.

Specificatamente, in conseguenza della lettera di messa in mora trasmessa dalla Commissione UE all’Italia in data 24 gennaio 2019 (procedura di infrazione n. 2018/2273), si procede ad abrogazione definitiva la previsione di obbligo della terna di subappaltatori (art. 105, comma 6, Codice degli Appalti) in sede di offerta e contestualmente viene meno il regime di sospensione cui è stata sottoposta la disposizione a mezzo di soppressione dell’art. 1, comma 18, del c.d. “Decreto sblocca-cantieri” (art. 1, estratto: «[…] in deroga all’articolo  105,  comma  2, del medesimo codice, fatto salvo quanto  previsto  dal  comma  5  del medesimo articolo 105 […]»).

Ulteriormente, si pone modifica in via altrettanto definitiva anche dell’art. 80 del Codice, nelle parti in cui è contemplato l’obbligo – oggi parimenti sospeso – di esclusione dei concorrenti per mancato possesso dei requisiti di ordine generale in capo ai subappaltatori indicati nella terna (nei commi 1 e 4).

In riferimento invece alle irregolarità fiscali e contributive, viene reintrodotta in art. 80 comma 4 la previsione dell’obbligo di esclusione «se la stazione appaltante è a conoscenza e può adeguatamente dimostrare che lo stesso non ha ottemperato agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse o dei contributi previdenziali non definitivamente accertati qualora tale mancato pagamento costituisca una grave violazione ai sensi rispettivamente del secondo o del quarto periodo»>; come previsto dalle Direttive Comunitarie e come già disposto dal c.d. “Decreto sblocca-cantieri”.

Una regola sottoposta ai rilievi della Commissione UE nella lettera di messa in mora sovra citata, a causa dell’assenza della stessa in fase di conversione di decreto.

consulenza_per_privati_e_aziende          consulenza_per_avvocati

Salvis Juribus – Rivista di informazione giuridica
Ideatore, Coordinatore e Capo redazione Avv. Giacomo Romano
Listed in ROAD, con patrocinio UNESCO
Copyrights © 2015 - ISSN 2464-9775
Ufficio Redazione: redazione@salvisjuribus.it
Ufficio Risorse Umane: recruitment@salvisjuribus.it
Ufficio Commerciale: info@salvisjuribus.it
The following two tabs change content below.
Luigi Piero Martina (Lecce, 1992). Laureato con 110 e lode in Giurisprudenza (con qualifica Summa cum Laude) presso la Pontificia Università Lateranense. Laureato con il massimo dei voti in Operatore Giuridico di Impresa, del Lavoro e delle Pubbliche Amministrazioni. PhD Fellow in Bioetica giuridica con un progetto di ricerca sulla Bioetica Medica e Avvocato UE. Ex Segretario e Tesoriere dell’Associazione Internazionale Lateranense della Pontificia Università Lateranense ed ex Consulente Professionale presso la Fondazione “Civitas Lateranensis” . Consulente Professionale presso la Cattedra di Filosofia e Storia delle Istituzioni Europee della Pontificia Università Lateranense. Autore scientifico e Tutor Accademico presso la medesima università. Componente dell'Osservatorio di Studi sulla Dualità di Genere della Pontificia Università Lateranense. Membro del Gruppo Interdisciplinare di Ricerca in Neurobietica dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum. Collabora con l'Area di Ricerca "Caritas in Veritate" della Pontificia Università Lateranense. Vice Direttore della Scuola di Alta Formazione e Studi Specializzati per Professionisti, con sede a Roma e a Taranto.

Articoli inerenti